News

Alfonsine: dopo il servizio di Striscia, ricollocati gli anziani della casa famiglia abusiva

Alfonsine: dopo il servizio di Striscia, ricollocati gli anziani della casa famiglia abusiva

Alfonsine: dopo il servizio di Striscia, ricollocati gli anziani della casa famiglia abusiva

Erano lasciati al freddo, in quella che doveva essere una casa famiglia e che in qualche modo avrebbe dovuto accoglierli e tutelarli e invece era diventata quasi una prigione.

Ora gli anziani presenti nella casa di Alfonsine (Ravenna) in cui Striscia la notizia è riuscita a entrare con Rajae saranno ricollocate.


“Due anni fa abbiamo affittato la seconda casa di mio padre a una signora per attività di casa famiglia per anziani. Poi lei ha smesso di pagare l’affitto nel novembre 2019 e finalmente nell’estate 2020 abbiamo ottenuto lo sfratto esecutivo“, racconta Evan Servidei alla nostra inviata. 

Peccato che a causa del Covid lo sfratto non venga eseguito e che nel frattempo il figlio della signora, un pluripregiudicato, ha ottenuto il permesso di trascorrere le sue giornate con l’obbligo di dimora nella casa in questione. 

Tutto questo senza pagare le utenze, che quindi sono state staccate. 

“Ci ha attirati qua con l’inganno per non perdere la casa e poi ci tratta come animali”, aveva confessato alla nostra Rajae uno degli anziani ospiti della casa.

“Nessuno di loro rimarrà un solo giorno senza un posto dove dormire” dichiara la responsabile dei Servizi sociali annunciando il ricollocamento delle quattro persone. “Dobbiamo verificare le loro posizioni, assieme agli uffici comunali di pertinenza, e valutare le condizioni economiche dei singoli, come da prassi”, ha aggiunto.

Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Alfonsine, che al Corriere Romagna ha spiegato: “Quell’attività era già stata chiusa dai nostri servizi. Veniva riferito che le persone presenti, di età tra i 62 e i 76 anni, fossero ospitate lì a fronte di un rapporto amicale. Solo dopo la realizzazione del servizio siamo stati messi al corrente di quanto, invece, i quattro anziani avevano raccontato a Striscia; dichiarazioni di tono diverso da quanto riferito in precedenza. A fronte di questo nuovo e ben differente contesto ci siamo mossi come servizi sociali per trovare loro una sistemazione nell’immediato“.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?