News

Oggi a Striscia, caos biglietti di Sanremo 2024. In vendita a 700 euro sui social. «Mio marito lavora in Rai. C’è il cambio nome»

Oggi a Striscia, caos biglietti di Sanremo 2024. In vendita a 700 euro sui social. «Mio marito lavora in Rai. C’è il cambio nome»

Oggi a Striscia, caos biglietti di Sanremo 2024. In vendita a 700 euro sui social. «Mio marito lavora in Rai. C’è il cambio nome»

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) torna la rubrica “Rai Scoglio 24”, con Pinuccio in trasferta per il Festival dal “balcone di zia Marietta”, direttamente sul Teatro Ariston di Sanremo. L’inviato del tg satirico è stato il primo a rivelare che i dipendenti della tv di Stato – tramite una piattaforma interna alla Rai e con un giorno di anticipo rispetto agli altri – potevano comprare fino a due biglietti del Festival a testa, senza, tra l’altro, essere vincolati a utilizzarli personalmente. Un sistema, secondo il Codacons, ad alto rischio bagarinaggio. Caso sollevato da Striscia e che approderà a breve in Commissione Vigilanza Rai. Nel servizio in onda stasera Pinuccio mostra lo scambio di messaggi avuto sui social con una persona – il cui marito sarebbe un dipendente Rai – che voleva rivendere un biglietto per il Festival a 700 euro (molto più del prezzo di listino). E quando l’inviato chiede se il biglietto è nominativo, l’interlocutore lo rassicura: «C’è il cambio nome».

Il servizio completo questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35).

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Sanremo, per le scarpe di Travolta gli esposti all'AgCom sono due

Sanremo, per le scarpe di Travolta gli esposti all'AgCom sono ...

Pinuccio di Rai Scoglio 24 ci aggiorna sul caso di possibile pubblicità occulta durante il Festival, con l'attore americano che ha ballato sul palco dell'Ariston con Amadeus mostrando le sneakers di U-Power. Domenico Romito dell'associazione Avvocati dei consumatori spiega che ha integrato l'esposto presentato con il materiale dei servizi di Striscia, e chiede una sanzione esemplare, superiore a quella dello scorso anno di 175 mila euro