News

Claudio Bisio: “Clima pesante e faticoso mai più Festival di Sanremo”

Claudio Bisio: “Clima pesante e faticoso mai più Festival di Sanremo”

Claudio Bisio: “Clima pesante e faticoso mai più Festival di Sanremo”

Tra “coincidenze” strane con artisti in gara della scuderia Live di Salzano e l’inno alla droga di Achille Lauro con “Rolls Royce”, al Festival di Sanremo a quanto pare nemmeno i conduttori erano contenti di partecipare alla kermesse. “C’era un clima Rai pesante e faticoso. Se rifarò il Festival? No, l’ho promesso a mia moglie”, ha tuonato a sorpresa Claudio Bisio sulle pagine del quotidiano La Repubblica.

“Non parlerei di pressioni o censura, ma proprio di clima Rai: pesante, faticoso. – ha spiegato – C’era timore per ogni cosa”. Dovevo “spaccare tutto”, alla fine l’unica cosa che ho fatto è stata dire: Ecco a voi la canzone… Ho tenuto fede al compito che mi era stato dato: presentare. L’altra mia unica volta a Sanremo, da ospite della finale, sette anni fa, ed eravamo pure sotto elezioni, fu più facile: arrivai con un monologo forte, duro, che partiva anticasta e finiva con un pugno nello stomaco verso noi italiani. Stavolta era tutto più complicato”.

E infine ha accennato anche allo show con Michelle Hunziker sul palco dell’Ariston: “Con lei abbiamo fatto ‘La lega dell’amore’, un pezzo di un mio spettacolo di 25 anni fa, inserito poi in un disco con Elio e le storie Tese. Il ritornello è ‘gioia fratellanza cuore amore mamma t’amo e nulla più’… Beh, non sa i problemi. È stata sollevata perfino la par condicio, perché c’era ‘lega’. Io in Rai c’ero stato 25 anni fa con ‘Cielito lindo’, la Rai di Guglielmi, Frassa… È tutto cambiato, sospettoso. Certo, è cambiato anche il mondo, si è incattivito. Sui social mi dicono cose come sporco comunista”.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo

Sanremo, Fimi dà ragione a Striscia: un bando per il Festival

Sanremo, Fimi dà ragione a Striscia: un bando per il Festival

Continua l'inchiesta di Pinuccio sul Festival di Sanremo e sulla possibilità di assegnare la kermesse musicale - di proprietà del Comune di Sanremo - tramite un bando aperto, come si evince da una recente sentenza del Tar. Questo vuol dire che il Festival potrebbe non essere più un'esclusiva Rai, ma potrebbe essere organizzato e trasmesso da qualsiasi emittente nazionale in chiaro. Dopo AudioCoop, Afi e Siedas, anche Fimi (Federazione industria musicale italiana) ha deciso di aderire ...

La nave da crociera e la pubblicità occulta al Tg1

La nave da crociera e la pubblicità occulta al Tg1

Al Tg1 la pubblicità occulta continua a imperversare e, da qualche giorno, l'oggetto delle "attenzioni" della testata diretta da Monica Maggioni è la famosa nave da crociera che, guarda caso, è sponsor del Festival di Sanremo. Nessuno la nomina, eppure Pinuccio e "Rai Scoglio 24" fanno notare come in diversi servizi dell'inviato Rai Leonardo Metalli non si perda occasione per celebrare la sontuosità della nave, inquadrandola ripetutamente