News

Depuratore di Trasacco, è polemica sulle rilevazioni dell’Arta in Abruzzo

Depuratore di Trasacco, è polemica sulle rilevazioni dell’Arta in Abruzzo

Depuratore di Trasacco, è polemica sulle rilevazioni dell’Arta in Abruzzo

In Abruzzo l’emergenza maltempo sta facendo preoccupare non poco gli abitanti. Le piogge torrenziali delle ultime ore hanno causato allagamenti in molti centri, tra cui anche in zona Fucino, dove gli argini dei canali non hanno tenuto.

Secondo quanto riporta Il Messaggero Abruzzo, l’acqua si sarebbe riversata anche sul depuratore di Trasacco, lo stesso di cui si era occupato Pinuccio nel servizio andato in onda pochi giorni fa.

Il nostro inviato aveva documentato come la struttura fosse rimasta ormai incustodita e in condizioni di degrado, riversando detriti e sfoghi apparentemente non depurati.


L’ondata di maltempo potrebbe aver peggiorato la situazione. Il sindaco di Trasacco ha precisato che la competenza in materia è esclusivamente del CAM (Consorzio Acquedottistico Marsicano), sottolineando comunque che il depuratore numero 38 è in disuso e che sono stati investiti un milione e duecentomila euro per il raddoppio di quello di strada 36 dove i lavori di potenziamento sono in atto e aumenteranno la portata a 10 mila unità.

Di diverso avviso Augusto De Sanctis del Forum H2o, secondo il quale il depuratore 38 sarebbe ancora funzionante. Ma non solo: «Il 36% dei depuratori abruzzesi, ovvero 97 su 272 controllati dall’Arta, ha superato almeno una volta il limite relativo alla presenza di Escherichia coli, la cui soglia di guardia è fissata a 5.000 unità formanti colonia per 100 millilitri», denuncia in una nota l’associazione ambientalista, che ha elaborato i dati dell’Arta relativi alle analisi effettuate in Abruzzo.

La provincia con la maggiore percentuale di superamenti di limiti, stando alle rilevazioni, sarebbe Pescara con il 49%, mentre «quella di Chieti è la provincia che, in termini assoluti, presenta il numero più elevato di impianti (42) con almeno una criticità per questo parametro».

«Davanti a questa situazione che va avanti da un decennio ci si aspetterebbe un bel bagno di realtà da parte di tutti e un “pancia a terra a lavorare” – sottolinea Forum H20 nella nota –  Invece qualche amministratore, come il sindaco di Trasacco, dopo il servizio ieri ha addirittura provato in maniera piuttosto scomposta a negare l’evidenza attaccando noi e Striscia. La verità è che da anni i due depuratori di Trasacco, Strada 36 e Strada 38 (quello andato in video), hanno dati allo scarico del tutto inaccettabili, stando alle informazioni pubblicate da Arta».

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Pinuccio trova a Barletta per parlarci del canale Tittadegna, che dovrebbe raccogliere acque piovane ma che in realtà è un covo di rifiuti. L'inquinamento riguarda non solo il canale, visto che il corso d'acqua sversa nel fiume Ofanto e in seguito in mare. E la questione è ancora più grave se si considera che tra i rifiuti ce ne sono alcuni che destano particolari preoccupazioni. Il nostro inviato ha chiesto spiegazioni all'assessore all'Ambiente del Comune di Barletta, Anna Maria Riefolo

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo