News

Dopo i servizi di Striscia, sequestrato il canale Lagrimaro

Dopo i servizi di Striscia, sequestrato il canale Lagrimaro

Dopo i servizi di Striscia, sequestrato il canale Lagrimaro

Ricordate il canale Lagrimaro? Quello che dovrebbe servire da scolo per le acque piovane e che invece è carico di liquidi non ben definiti? Se ne era occupato Pinuccio con un servizio nel quale ci mostrava come il canale sembrasse ricoperto di cemento, tanto era scura la sostanza che vi scorreva.

Dopo i servizi di Striscia, nell’ambito di una indagine coordinata dalla Procura di Foggia, i Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Bari hanno posto sotto sequestro preventivo l’intero canale Lagrimaro, che corre nelle campagne di Cerignola per circa 2 km.

Gli inquirenti sembrano confermare la nostra tesi, sostenendo come nel tempo il condotto si sia trasformato in una discarica abusiva di rifiuti, anche pericolosi, data la vicinanza di terreni destinati a colture agroalimentari e il rischio di scarico in mare di sostante inquinanti.

Il sequestro emesso dal Gip di Foggia mira a spronare le autorità locali affinché possano porre rimedio alla situazione. È infatti indirizzato agli uffici del sindaco, del dirigente del settore Lavori Pubblici, del responsabile dell’Ufficio Ambiente e del presidente del Consorzio di Bonifica per la Capitanata.

Ecco, intanto, cosa era emerso dalle analisi che avevamo richiesto.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Canale Tittadegna, tra rifiuti e inquinamento ambientale

Pinuccio trova a Barletta per parlarci del canale Tittadegna, che dovrebbe raccogliere acque piovane ma che in realtà è un covo di rifiuti. L'inquinamento riguarda non solo il canale, visto che il corso d'acqua sversa nel fiume Ofanto e in seguito in mare. E la questione è ancora più grave se si considera che tra i rifiuti ce ne sono alcuni che destano particolari preoccupazioni. Il nostro inviato ha chiesto spiegazioni all'assessore all'Ambiente del Comune di Barletta, Anna Maria Riefolo

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo