News

Guerra a chi abbandona per strada le mascherine, al via multe da 450 euro

Guerra a chi abbandona per strada le mascherine, al via multe da 450 euro

Guerra a chi abbandona per strada le mascherine, al via multe da 450 euro

Le mascherine e i guanti abbandonati sono solo l’ultima piaga ambientale, che rischia di diventare un serio problema per il nostro pianeta.

Sono sempre di più le segnalazioni che da ogni parte d’Italia giungono a Legambiente e alle istituzioni. Per questo motivo il Comune di Nardò, paese in provincia di Lecce, ha deciso di correre ai ripari emettendo un’ordinanza che dichiara guerra agli incivili nell’epoca del Coronavirus

Il provvedimento stabilisce che chiunque abbandoni dispositivi di protezione individuale sul suolo pubblico, lungo le strade o nelle campagne, è punito con la sanzione pecuniaria da un minimo di 75 a un massimo di 450 euro.

Negli ultimi giorni, infatti, secondo la giunta, sarebbero stai trovati centinaia di dispositivi di sicurezza usati per le strade, nei pressi di supermercati e altre attività. 
“Un problema non solo dal punto di vista della pulizia e del decoro – spiega l’assessore all’Ambiente Mino Natalizio – ma teoricamente anche un rischio per la salute per un ipotetico contagio”.

Per agevolare, incoraggiare e sostenere un corretto comportamento da parte dei cittadini, il Comune di Nardò ha promesso che saranno installati ulteriori cestini.

L’allarme sull’aumento esponenziale di rifiuti potenzialmente infetti come mascherine e guanti abbandonati era stato lanciato anche dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, che però ha voluto sottolineare che “Il tema dei rifiuti abbandonati non riguarda solo le mascherine e i guanti. Le persone che abbandonano oggi questi oggetti sono le stesse che prima abbandonavano altri rifiuti per strada senza alcun rispetto né per la salute né per l`ambiente. Certo che oggi, dato il tipo di rifiuto potenzialmente infetto, questo atteggiamento è ancora più grave”.

Noi di Striscia già dal mese scorso avevamo acceso i riflettori su questo problema, mostrandovi come venissero abbandonati dispositivi di sicurezza a Milano come a Roma e riportando quelle che sono le indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità.



Un problema, quello delle mascherine abbandonate, che non riguarda solo l’Italia, ma il mondo intero. Nei giorni scorsi è diventata virale la foto scattata in Canada di un uccellino rimasto avvinghiato agli elastici di una mascherina e morto per il soffocamento.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Caso Soumahoro, Tapiro d'oro a Laura Boldrini

Caso Soumahoro, Tapiro d'oro a Laura Boldrini

Valerio Staffelli consegna il Tapiro d'oro a Laura Boldrini che nel 2018, in occasione della decima edizione del MoneyGram Awards per imprenditori immigrati, premiò come migliore imprenditrice straniera Marie Therese Mukamitsindo, suocera di Aboubakar Soumahoro, oggi indagata per truffa aggravata e false fatturazioni nell'ambito dell'indagine della procura di Latina sulla gestione di due cooperative. Ecco come ha replicato l'ex Presidente della Camera

Tapiro d'oro alla

Tapiro d'oro alla "molestatrice" Sonia Grey

Valerio Staffelli consegna il Tapiro d'oro a Sonia Grey, tirata nuovamente in ballo da Franco Di Mare nel post in cui spiega perché ha querelato Striscia. Secondo l'ex direttore di Rai Tre, la palpatina in studio alla sua co-conduttrice di Unomattina (2004) sarebbe stata frutto di «un banale scherzo fra colleghi» in risposta alle «"molestie" che Sonia mi faceva ogni mattina». Peccato che Sonia Grey la pensi diversamente, come racconta al microfon del nostro inviato