News

I rapporti tra MN Italia e la Rai sono sempre meno chiari

I rapporti tra MN Italia e la Rai sono sempre meno chiari

I rapporti tra MN Italia e la Rai sono sempre meno chiari

Questa sera, a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35), Pinuccio torna a occuparsi del presunto conflitto di interessi tra Marcello Giannotti, direttore della comunicazione Rai, e MN Italia, società presso cui Giannotti lavorava e che ha preso incarichi diretti dalla Tv pubblica.

Tra la Rai e l’agenzia di comunicazione non è ancora chiaro se sia mai esistito un contratto che affidava la gestione dell’ufficio stampa del Festival di Sanremo a Mn Italia. Questo perché, nonostante non ci siano state conferme ufficiali dell’appalto all’agenzia, oggi l’onorevole Michele Anzaldi, membro della Commissione Vigilanza Rai, intervistato da Pinuccio, ha dichiarato che grazie alla denuncia di Striscia l’incarico non verrà assegnato a Mn. 

A questo punto restano ancora senza risposta le domande di Striscia: c’era o non c’era un contratto? Se c’era, è stato annullato per risparmiare denaro pubblico e dare l’incarico a giornalisti interni Rai? O perché anche secondo la Tv pubblica potrebbe esserci un conflitto di interessi?

Nel frattempo, l’ad Rai Fabrizio Salini mantiene un rigoroso silenzio, come già riportato nel servizio di Striscia andato in onda ieri sera.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Basilicata, gli espropri mai avvenuti e la diga da abbattere

Basilicata, gli espropri mai avvenuti e la diga da abbattere

Pinuccio racconta una storia paradossale riguardante terreni privati mai espropriati, su cui sono state costruite la diga Camastra e opere accessorie, la sentenza che dispone il loro abbattimento, il ripristino dello stato dei luoghi e un risarcimento ai proprietari, che però l'ente condannato è impossibilitato a pagare. Tuttavia, l'Agenzia delle Entrate chiede ai proprietari il 3% della somma che non hanno ancora ricevuto

Rai, caos televoto e caso Travolta agitano la Vigilanza

Rai, caos televoto e caso Travolta agitano la Vigilanza

Pinuccio nonostante lo sciopero (quello dei pullman, non quello dei giornalisti) arriva a Palazzo San Macuto, dove si riunisce la vigilanza Rai. Sui 7 milioni presunti di televoti non conteggiati a Sanremo servirà un supplemento d'indagine con Tim, seppur tardivo. E sullo "spot" delle scarpe? Per l'ad Roberto Sergio l'attore americano ha compiuto una violazione. E Amadeus? Non ha pronunciato la frase che è lo spot della marca?