News

In fila dalle 5 del mattino per un tampone: Luca Abete cacciato dalla sicurezza dell’Asl durante il suo reportage

In fila dalle 5 del mattino per un tampone: Luca Abete cacciato dalla sicurezza dell’Asl durante il suo reportage

In fila dalle 5 del mattino per un tampone: Luca Abete cacciato dalla sicurezza dell’Asl durante il suo reportage

Centinaia di persone in coda per un tampone già dalle 5 del mattino, anche sotto la pioggia: è questa la situazione surreale documentata da Striscia la notizia davanti al presidio dell’Asl 1 di Napoli Centro che ogni giorno garantisce circa 1000 tamponi.

Peccato che, come mostrato nel servizio in onda stasera (Canale 5, ore 20.35), già alle 7 del mattino ci siano più di 700 persone accalcate in fila, in barba alle norme anti-Covid.

L’inviato Luca Abete, giunto sul posto oggi pomeriggio per raccogliere le testimonianze, è stato cacciato dal personale della sicurezza dell’Asl, i cui vertici aziendali hanno rifiutato di rilasciare dichiarazioni.

Pochi giorni fa il nostro inviato aveva documentato un’altra situazione di degrado che coinvolge sempre la Asl 1 di Napoli, ecco cosa aveva scoperto.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Punzo, il finto ortopedico che prescrive cure

Punzo, il finto ortopedico che prescrive cure

Luca Abete si occupa dell'assurdo caso del dottor Punzo, un autoproclamatosi medico ortopedico (ma anche fisiatra e fisioterapista) che esegue visite e prescrive terapie farmacologiche senza averne i requisiti. L'uomo, infatti, non è iscritto in nessun albo ed è riuscito a ingannare sia il negozio di articoli otopedici presso il quale svolgeva le visite, sia un giornalista al quale ha rilasciato un'intervista sulla riabilitazione dell'ex calciatore del Napoli Milik