News

Migranti economici dalla Svizzera in Italia, interviene Michelle Hunziker

Migranti economici dalla Svizzera in Italia, interviene Michelle Hunziker

Migranti economici dalla Svizzera in Italia, interviene Michelle Hunziker

La Svizzera non ci sta a essere dipinta come un posto in crisi. Ma a stemperare gli animi ci pensa Michelle Hunziker che dice la sua a proposito dei servizi di Striscia la notizia sul Canton Ticino.

Il tema è quello dei frontalieri, questa volta ticinesi, che decidono di vivere in Italia vicino il confine perché sempre più in difficoltà economiche. Come aveva mostrato la nostra Rajae, infatti, le famiglie fanno sempre più fatica a far quadrare i conti e per questo decidono di prendere casa dove costa meno.
Il servizio ha fatto discutere in Svizzera: alcuni si sono sentiti offesi nonostante l’ironia del servizio in cui la nostra inviata scherzava a proposito della crisi di uno dei luoghi considerato da sempre un’isola felice.

 

«Ho saputo delle polemiche, me l’ha detto Ricci – ha commentato Michelle al Corriere del Ticino a margine di una conferenza -. Ma era tutto autoironico», tiene a precisare.

«Rajae, la nostra inviata, va spesso all’estero e tratta sempre gli argomenti con molta leggerezza, anche i temi più complicati. Siamo stati anche all’isola di Lesbo per raccontare il dramma dei migranti. Questo per dire che siamo sempre attenti a seguire le diverse realtà, anche per cercare di dare una mano. Il servizio sulla Svizzera voleva essere palesemente ironico e tutto da ridere», prosegue la conduttrice.

Da svizzera, Michelle non ha dubbi: «Dobbiamo essere autoironici e non prenderci troppo sul serio. Anche quando facevo il personaggio di Losanna, pur essendo svizzera e prendendomi in giro da sola, all’inizio quella caricatura venne presa male. Quante caricature si fanno sugli italiani e sugli altri Paesi? Fa parte del gioco. Noi svizzeri abbiamo delle caratteristiche che ci contraddistinguono, tante positive e alcune negative. Insomma, ci sono degli aspetti tipici del nostro popolo, e ben venga anche farci prendere in giro».

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?