News

Nuovo caso di malasanità in Campania: esauriti i fondi regionali, tagliate prestazioni e terapie convenzionate

Nuovo caso di malasanità in Campania: esauriti i fondi regionali, tagliate prestazioni e terapie convenzionate

Nuovo caso di malasanità in Campania: esauriti i fondi regionali, tagliate prestazioni e terapie convenzionate

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Luca Abete torna a occuparsi della malasanità in Campania. In particolare, del blocco delle prestazioni in strutture private convenzionate con il servizio sanitario nazionale a causa dell’esaurimento del budget trimestrale previsto dalla sanità regionale.

Ai pazienti non resta quindi che pagare per intero la prestazione oppure possono provare a rivolgersi agli ospedali, dove li attendono liste di attesa infinite.

Anche i fondi per le terapie sono terminati, negando così la possibilità a pazienti affetti da gravi malattie di usufruire di cure indispensabili.

Abete si era già occupato di malasanità recentemente, in un servizio sull’ospedale Cardarelli di Napoli, dove la situazione è davvero disastrosa.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Trattamenti estetici, un caso che scotta fino a bruciare la pelle

Trattamenti estetici, un caso che scotta fino a bruciare la pelle

Entriamo con Luca Abete in un cento estetico in cui vengono praticati trattamenti al setto nasale e "blefaroplasma", tecnica attraverso la quale il laser brucia la pelle in eccesso della palpebra. L'inviato chiede il parere di un esperto, perché blefaroplastica e rinoplastica sono illegali quando non praticate da un medico: potrebbero infatti creare ustioni alla cornea e ai tessuti profondi oppure necrosi con danni irreversibili"

Mafia e cantanti neomelodici, una nota stonata della nostra terra

Mafia e cantanti neomelodici, una nota stonata della nostra terra

Luca Abete ci parla di alcuni artisti neomelodici che si associano alla criminalità organizzata, arrivando anche a inneggiare alla Camorra e ai suoi capiclan. I messaggi espliciti a sostegno della malavita trovano spazio anche sui social. L'inviato incontra un influencer che comunica concetti discutibili sulle sue pagine e quando l'inviato gli chiede spiegazioni, l'organizzazione criminale sembra non esistere più