News

Perché tutti vogliono fare il direttore della tv di Stato di San Marino: super stipendio pagato dalla Rai

Perché tutti vogliono fare il direttore della tv di Stato di San Marino: super stipendio pagato dalla Rai

Perché tutti vogliono fare il direttore della tv di Stato di San Marino: super stipendio pagato dalla Rai

Questa sera a “Rai Scoglio 24”, la rubrica di Striscia la notizia dedicata agli sprechi della tv di Stato, Pinuccio si occupa della vittoria di Achille Lauro, il pupillo di Ferdinando Salzano e Lucio Presta, che sabato notte ha vinto il concorso “Una voce per San Marino” che gli permetterà di partecipare al prossimo Eurovision Song Contest (Torino, 10-14 maggio) come candidato della minuscola Repubblica indipendente a pochi chilometri da Rimini.

Indagando, l’inviato del Tg satirico arriva a una conclusione: l’italiano Lauro avrebbe vinto quel concorso canoro perché la Rai ha molto potere sulla tv di San Marino. Infatti San Marino Rtv, la tv di stato della “povera” Repubblica di San Marino, ha un capitale sociale costituito al 50% dalla Rai e per i prossimi 5 anni riceverà sovvenzioni per circa 9 milioni di euro dallo Stato italiano.

Per saperne di più intervista il segretario della Vigilanza Rai Michele Anzaldi: «A San Marino c’è un direttore generale (Ludovico Di Meo, ndr), pagato sempre dalla Rai, con un super stipendio da 240 mila euro. C’è la gara per andare lì: non fai niente, ti riposi, fai la carriera da direttore, ti pagano la casa e i viaggi».
Il servizio completo questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35).

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Sprechi Rai, il logo di Sanremo lo fa una società esterna

Sprechi Rai, il logo di Sanremo lo fa una società esterna

A Rai Scoglio24 Pinuccio torna a indagare sugli sprechi (e non solo) della tivù di Stato e a pochi giorni dal Festival di Sanremo rivela un curioso retroscena sul logo della kermesse: nonostante regista e direttore artistico (Amadeus) avessero gradito le grafiche proposte dalla Rai, il direttore della Comunicazione e il direttore Intrattenimento Stefano Coletta hanno deciso di far rifare il lavoro a una società esterna. Perché?

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo

Stalking al Tg1, il problema delle flatulenze

Stalking al Tg1, il problema delle flatulenze

Pinuccio e Rai Scoglio 24 esprimono il loro sostegno a Dania Mondini, conduttrice del Tg1 e vittima di stalking a Viale Mazzini. Il nostro collega si chiede come mai l'Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai, sempre molto combattivo quando si tratta di tagli di tg regionali, non si sia fatto sentire altrettanto vigorosamente sul caso di Mondini, costretta a una coabitazione punitiva con un collega con problemi di flatulenze & affini