News

Rajae torna a Ventimiglia per documentare le tragiche condizioni dei profughi

Rajae torna a Ventimiglia per documentare le tragiche condizioni dei profughi

Rajae torna a Ventimiglia per documentare le tragiche condizioni dei profughi

Questa sera Striscia la notizia torna a documentare la tragedia dei migranti bloccati a Ventimiglia, la città ligure al confine con la Francia dove attualmente ci sono almeno 300 profughi che vivono di espedienti e in condizioni critiche. Come Musa Balde, il ragazzo di 23 anni originario della Guinea, che alcuni giorni fa si è impiccato nel centro permanenza per i rimpatri di Torino, dove era rinchiuso in seguito a una brutale aggressione subita proprio a Ventimiglia.

Il Tg satirico di Antonio Ricci già nel novembre del 2016 aveva denunciato i gravi disagi degli irregolari (la maggior parte minorenni), respinti dalla Francia e bloccati a Ventimiglia. E a distanza di quasi 5 anni la situazione è, a causa anche del Covid, peggiorata e potrebbe ora precipitare.

«In corrispondenza della bella stagione e dell’aumentare degli sbarchi, la maggior parte delle persone arrivate a Lampedusa finirà a Ventimiglia, perché questa continua a essere la porta preferita per uscire dall’Italia», dichiara Jacopo Colomba della WeWorld Onlus, che mostra all’inviata decine di migranti che, come spesso è successo in questi anni, trovano rifugio sotto al ponte lungo il fiume Roja, vivendo in condizioni igieniche pessime.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?