News

Soumahoro, il “prestigiatore” di conti

Soumahoro, il “prestigiatore” di conti

Soumahoro, il “prestigiatore” di conti

Inizialmente l'onorevole usava il suo. Poi ne ha aperto uno per la Lega Braccianti. E quando i suoi due ex soci hanno preteso di vedere i bilanci, si sono sentiti dire che non era possibile.

Pinuccio non molla il caso Soumahoro e nella puntata del 24 gennaio si concentra su un aspetto poco chiaro che riguarda ancora le ormai famose raccolte fondi lanciate dalla Lega Braccianti sulla piattaforma GoFundMe. L’inviato ha scoperto, infatti, che nell’ottobre 2020 la neonata associazione era riuscita ad aprire un conto su cui ricevere direttamente i fondi ricevuti. Ma chi lo gestiva? Ovviamente solo il presidente Aboubakar Soumahoro.

Il dossier difensivo di Soumahoro e la bugia sul conto corrente della Lega Braccianti

In uno dei punti del suo dossier difensivo, l’onorevole sostiene di aver inizialmente utilizzato il proprio conto personale per gestire le donazioni del crowdfunding perché, a causa del lockdown, aveva avuto difficolta ad aprirne uno per la Lega Braccianti. Una volta risolto questo intoppo, però, la situazione non è cambiata: Soumahoro ha continuato a gestire le donazioni senza che nessuno lo controllasse. Come mai non ha coinvolto anche gli altri soci? Difficile dirlo, perché l’onorevole, eletto con Sinistra Italiana/Verdi e ora passato al Gruppo Misto, si rifiuta di rispondere alle nostre domande e non vuole concedere un’intervista a Pinuccio che gliela chiede dallo scorso 25 ottobre.

I due ex soci del sindacalista e la richiesta di revoca di operare sui conti dell’Associazione

E le ambiguità non sono ancora finite. Perché i due ex soci di Soumahoro, Soumaila Sambare e Mamadou Balde hanno poi preteso di vedere il bilancio delle raccolte fondi e, attraverso l’invio di una pec, hanno chiesto la revoca a operare sui conti bancari da parte dell’oggi deputato. La risposta dell’avvocato di quest’ultimo non è tardata ad arrivare. E spiegava che Sambare e Balde non potevano pretendere nulla perché non facevano più parte della Lega Braccianti. Ma, anche in questo caso, la situazione non è chiara, visto che non esiste alcun documento che testimoni l’espulsione dei due.

Pinuccio e il giallo della raccolta fondi rimasta aperta ben oltre la scadenza

Pinuccio non demorde, però, e continua a smontare a una a una le risposte contenute nel corposo (e indecifrabile) dossier nel quale l’onorevole ha provato a rispondere ai tanti dubbi sollevati da Striscia riguardo al suo operato. Nell’attesa di saperne di più, ecco la puntata precedente dell’inchiesta, dove l’invitato racconta il giallo della stessa raccolta fondi chiamata “Cibo e diritti”, nata per portare beni di prima necessità ai braccianti e alle loro famiglie, che è rimasta aperta ben oltre la data di termine dell’iniziativa.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Aboubakar Soumahoro dice in tv che nessuno parla degli incendi nei ghetti, ma Rajae Bezzaz non fa altro da otto anni: a Striscia la notizia ha raccontato quelli di Boreano in Basilicata, nel gran ghetto di Rignano, a Rosarno, in Calabria, ancora a Rignano, e al ghetto dei bulgari vicino a Borgo Mezzanone. Poi, due anni dopo, a Rosarno, sull'isola di Lesbo, in Grecia, a Borgo Mezzanone. Onorevole, in questi anni non ha mai acceso la tv?

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Aboubakar Soumahoro è un personaggio costruito a tavolino da alcuni maitre à penser della sinistra, in particolare dall'ex direttore dell'Espresso Marco Damilano e dal conduttore di Propaganda Live Diego Bianchi, noto come Zoro. Lo hanno detto in molti dopo lo scandalo che ha investito l'ex sindacalista e la sua famiglia. Striscia ora mostra in esclusiva un video girato al Festival del giornalismo di Perugia il 7 aprile 2019 in cui sono loro stessi ad ammetterlo

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: il parere degli italiani

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: ...

Gli onorevoli Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli - rispettivamente leader di Sinistra Italiana e dei Verdi - devono dimettersi dopo l'affaire Soumahoro, per non aver ascoltato i molti avvertimenti di chi aveva più di qualche perplessità sull'operato dell'ex sindacalista di Lega Braccianti. È questo il parere dei telespettatori di Striscia la notizia: favorevoli alle dimissioni il 97% di chi ha detto la sua sul sito

Caso Aboubakar, gli avvertimenti su Soumahoro ignorati da Fratoianni e Bonelli

Caso Aboubakar, gli avvertimenti su Soumahoro ignorati da Fratoianni ...

Prima che Verdi e Sinistra Italiana candidassero Aboubakar Soumahoro, qualcuno aveva avvertito Fratoianni e Bonelli su alcune ambiguità nell'operato dell'ex sindacalista di Lega Braccianti. Si tratta dell'ex senatrice 5 Stelle Elena Fattori, dei due esponenti pugliesi di Sinistra Italiana Marco Barbieri e Mario Nobile e Don Andrea Pupilla e del responsabile della Caritas di San Severo. Ecco la ricostruzione completa dei fatti