News

Sprechi Rai, all’ad Salini non piace il presepe

Sprechi Rai, all’ad Salini non piace il presepe

Sprechi Rai, all’ad Salini non piace il presepe

Questa sera, Pinuccio a “Rai Scoglio 24” racconta la vicenda del presepe che avrebbe dovuto essere esposto in viale Mazzini. Una versione “laica e musicale” della natività – con Gigliola Cinquetti (Madonna) e Lucio Dalla (Giuseppe) –, commissionata dalla Rai all’artista di fama internazionale Marco Lodola e pagata oltre 30 mila euro.

Al momento l’opera di Lodola giace in un magazzino Rai e neppure all’artista sono state date spiegazioni sul mancato allestimento. A questo si aggiunge un aspetto davvero comico. Un servizio trasmesso dal GR1 ne ha persino annunciata l’avvenuta accensione: «Alcuni artisti stamattina erano collegati da lontano per accendere, assieme al presepe, un segnale di speranza alla fine di un anno difficile».

Sulla vicenda è intervenuto Marco Lodola: «Dovevamo installare l’opera in viale Mazzini giovedì scorso, ma siamo stati bloccati e non so il vero motivo. Non mi è mai capitato: ho anche sentito l’annuncio alla radio, ma il presepe non c’è. La gente non lo può vedere».

In attesa di un nuovo “segnale di speranza” da parte dei vertici Rai, Striscia continuerà con Rai Scoglio 24 a raccontare le bizzarrie gestionali della TV di Stato.

L’ultima in ordine di tempo è stata la rinuncia alla piattaforma culturale del governo (e ai 10 milioni stanziati dallo Stato).

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Sprechi Rai, il logo di Sanremo lo fa una società esterna

Sprechi Rai, il logo di Sanremo lo fa una società esterna

A Rai Scoglio24 Pinuccio torna a indagare sugli sprechi (e non solo) della tivù di Stato e a pochi giorni dal Festival di Sanremo rivela un curioso retroscena sul logo della kermesse: nonostante regista e direttore artistico (Amadeus) avessero gradito le grafiche proposte dalla Rai, il direttore della Comunicazione e il direttore Intrattenimento Stefano Coletta hanno deciso di far rifare il lavoro a una società esterna. Perché?

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo

Stalking al Tg1, il problema delle flatulenze

Stalking al Tg1, il problema delle flatulenze

Pinuccio e Rai Scoglio 24 esprimono il loro sostegno a Dania Mondini, conduttrice del Tg1 e vittima di stalking a Viale Mazzini. Il nostro collega si chiede come mai l'Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai, sempre molto combattivo quando si tratta di tagli di tg regionali, non si sia fatto sentire altrettanto vigorosamente sul caso di Mondini, costretta a una coabitazione punitiva con un collega con problemi di flatulenze & affini