News

Oggi a Striscia: spunta uno striscione per Ugo Russo, il 15enne rapinatore ucciso. Il padre contro Brumotti

Oggi a Striscia: spunta uno striscione per Ugo Russo, il 15enne rapinatore ucciso. Il padre contro Brumotti

Oggi a Striscia: spunta uno striscione per Ugo Russo, il 15enne rapinatore ucciso. Il padre contro Brumotti

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20:35) Vittorio Brumotti torna nella piazza Parrocchiella di Napoli, dove era già stato lo scorso 28 febbraio per documentare il murales dedicato a Ugo Russo, il 15enne dei Quartieri Spagnoli ucciso nel 2020 da un carabiniere in borghese e fuori servizio durante un tentativo di rapina, e diventato una sorta di eroe-martire locale. Il dipinto sul muro è stato cancellato, ma al suo posto è spuntato lo striscione: “Potete censurare un murale ma non la verità: giustizia per Ugo Russo”. Il nostro inviato, che in quella stessa piazza ha documentato molti pusher in azione, chiede un commento al deputato di Alleanza Verdi-Sinistra Francesco Borrelli su questa mezza vittoria: «Il murale era un simbolo di una persona che nella vita faceva il rapinatore in un contesto criminale, che è diventato l’emblema per osannare il crimine».

Ma la situazione degenera quando Enzo Russo, papà di Ugo, irrompe durante l’intervista. Russo, dopo aver urlato a Brumotti «non sei un uomo!», si scaglia contro Borrelli: «Mettetevelo in testa: se volete farmi cadere dovete spararmi in testa. Io porto avanti la giustizia di mio figlio fino alla morte». Poi un ragazzo, rivolgendosi sempre a Borrelli, urla: «Uno che si pente che uomo è? Io se ammazzo una persona non mi pento».

Il servizio completo questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20:35).

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Brumotti derubato mentre libera i parcheggi per disabili

Brumotti derubato mentre libera i parcheggi per disabili

L'inviato alle prese con il popolo dei "solo 5 minuti": molti di coloro che parcheggiano scorrettamente negli stalli per disabili si giustificano dicendo di voler sostare per poco tempo. C'è chi accetta le parole di Brumotti e chi invece ha reazioni scomposte. Alla fine l'autore di tante inchieste per Striscia torna al parcheggio de La Rinascente e trova la brutta sorpresa: van scassinato e computer, telecamere e bici trafugati