News

Dissequestrato il Canale Lagrimaro: la bonifica dopo la denuncia di Striscia

Dissequestrato il Canale Lagrimaro: la bonifica dopo la denuncia di Striscia

Dissequestrato il Canale Lagrimaro: la bonifica dopo la denuncia di Striscia

A distanza di tre anni e mezzo dalla denuncia di Striscia la notizia, il Canale Lagrimaro è stato finalmente dissequestrato. La decisione porta la firma del Tribunale di Foggia, che su istanza del sindaco e in accordo con Noe, Procura, Provincia di Foggia, Arpa e Consorzio di Bonifica ha constatato l’avvenuta bonifica dell’arteria di scolo in cui i Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico avevano ravvisato lo scarico illecito di “rifiuti di diversa tipologia, acque di morchia, reflui di vasche imhof, lastre in eternit, rifiuti solidi”.

Canale Lagrimaro, il calvario e i danni ambientali

Tutto ha avuto inizio nel 2019 quando Pinuccio aveva mostrato al pubblico di Striscia la notizia le condizioni del canale di scolo, che avrebbe dovuto raccogliere acque piovane e che invece si mostrava quasi come una colata di cemento


In seguito al servizio del Tg Satirico, il Noe aveva disposto il sequestro preventivo del Lagrimaro, che scorre in mezzo alle campagne di Cerignola per circa 2 km. Sequestro successivamente confermato dopo le prove raccolte che dimostravano lo scarico da parte delle aziende dell’area di residui di lavorazione che inquinavano la falda acquifera. 

Per questo a carica di 60 dei 129 imprenditori ritenuti coinvolti fu inviato un avviso di garanzia per danno ambientale

La nuova vita del Canale Lagrimaro

Ora il Canale Lagrimaro ha subito una lunga opera di bonifica, che ha consentito al Tribunale di disporre il dissequestro e di riportare la falda alla sua funzione originaria.

“Con il dissequestro del Canale Lagrimaro – spiega l’assessore alle attività produttive del comune di Cerignola, Sergio Cialdella – si chiude una pagina triste per la nostra città e per le nostre aziende. Da questo momento Consorzio e Provincia potranno rilasciare le autorizzazioni per lo scarico della fogna bianca, che fino ad ora erano precluso a tutte le imprese della Zona Industriale. Ci lasciamo alle spalle un annoso problema, soprattutto con la costruzione di ulteriori infrastrutture, la cui mancanza negli ultimi 50 anni ha creato disguidi alla cittadinanza e alla zona industriale”.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Caso Soumahoro, il presunto accordo tra Lega Braccianti e Patronato di Bari

Caso Soumahoro, il presunto accordo tra Lega Braccianti e Patronato ...

Pinuccio torna a occuparsi del caso Soumahoro. L'ex sindacalista, infatti, ha risposto a un servizio di Striscia tramite Ansa, sostenendo che la Lega Braccianti «non ha mai preso alcun rimborso in merito al reddito d'emergenza», confermando però l'esistenza di un accordo con il Patronato di Bari. Ma lil nostro inviato è andato a controllare e ha scoperto che non esisterebbe un accordo con il patronato di Bari. A confermarlo è Vitomarino Verzillo, legale dell'Inpal di Bari

Caso Soumahoro, i dubbi sulle raccolte fondi per la

Caso Soumahoro, i dubbi sulle raccolte fondi per la "Casa dei ...

Continua l'inchiesta di Pinuccio sulle raccolte fondi lanciate dalla Lega Braccianti di Aboubakar Soumahoro. Il nostro inviato si concentra questa volta su quelle organizzate dall'ex deputato direttamente dal suo account Facebook. Alcuni dovrebbero essere stati utilizzati per la costruzione della "Casa dei diritti" del ghetto di Rignano, inaugurata a gennaio 2022 alla presenza del conduttore Flavio Insinna. Immobile che però da gennaio a oggi è rimasto chiuso

Caso Soumahoro, le raccolte fondi online e il mistero della salma

Caso Soumahoro, le raccolte fondi online e il mistero della salma

Pinuccio indaga sulle raccolte fondi lanciate online dalla Lega Braccianti di Soumahoro con lo scopo dichiarato di aiutare chi vive nei ghetti. Sulla piattaforma di raccolta fondi GoFundMe si trovano tre campagne dell'associazione di Sumahoro: una per l'acquisto di cibo durante la pandemia, una per i regali di Natale ai bambini del Ghetto (dove non ci sono bambini) e la terza per organizzare uno sciopero. In tutto, sono stati raccolti così 280.000 euro. Peccato che i conti non tornino

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della Caritas di San Severo

Aboubakar Soumahoro, l'intervista esclusiva al direttore della ...

Pinuccio torna sul caso di Aboubakar Soumahoro, autosospesosi da deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, con la prima e unica intervista televisiva a don Andrea Pupilla, direttore della Caritas Diocesana di San Severo. Soumahoro in passato aveva raccolto 16mila euro per fare dei regali ai bambini del ghetto di San Severo, annunciando con gran risalto l'iniziativa vestito da Babbo Natale in un video. Peccato che, come rivela don Andrea Pupilla, «nel ghetto di Torretta Antonacci bambini non ...