News

E più E, altro che eolico: centinaia di famiglie raggirate

E più E, altro che eolico: centinaia di famiglie raggirate

E più E, altro che eolico: centinaia di famiglie raggirate

Sempre più persone utilizzano l’energia rinnovabile, quell’energia prodotta dal fotovoltaico o dall’eolico, e per farlo si affidano a imprese sempre più specializzate. Una però aveva incuriosito Striscia, promuovendo le proprie offerte online, vendeva energia eolica con vantaggi apparentemente incredibili. Max Laudadio si era occupato del caso.

La società “E più E“ – attualmente già in cessata attività – faceva delle proposte commerciali a possibili clienti in giro per l’Italia, concentrandosi sulla zona del nord–est.


Questa la proposta: collegando una scatoletta bianca al contatore si prometteva la possibilità di erogare energia elettrica gratuitamente per vent’anni, grazie ai campi eolici. Per portare a casa questa energia eolica, però, la somma da pagare era sostanziosa; la società per sostenere i costi consigliava di affiancarsi a delle finanziarie a loro collegate, con cifre che potevano arrivare intorno ai 30mila euro.

La società è sparita nel nulla, ma l’Agenzia delle Entrate avrebbe avviato la procedura per la restituzione dei soldi messe in atto dalla società “E più E”.


La vicenda è seguita anche da Paolo Schiona, presidente della nuova associazione di consumatori Atecon, che dichiara: “ Ho presentato un esposto, dettagliato in tutti i particolari, alla Guardia di Finanza di Padova. Nello stesso tempo abbiamo preso contatto anche con l’Agenzia delle Entrate e con alcune finanziarie. I malcapitati clienti non possono pagare migliaia di euro per colpa di una società che ha utilizzato metodi di vendita non trasparenti”.

In questi ultimi mesi, a coloro che avevano aderito all’offerta, sono arrivate anche le bollette dell’energia elettrica da pagare per la luce che è stata consumata. Oltre il danno, la beffa.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Brescia, al mercato dello sballo in vendita farmaci e ricette

Brescia, al mercato dello sballo in vendita farmaci e ricette

Max Laudadio è nella città lombarda, dove gli è stato segnalato un supermarket all'aperto di farmaci usati come droghe e di metadone. Basta un rapido giro per trovare di tutto, a prezzi bassi sono in vendita pasticche che possono causare seri danni e anche la morte. L'inviato poi incontra due ragazzi che lo invitano in un luogo sicuro dove possono fargli avere altre sostanze. Ma se ne parlerà in un prossimo servizio.

Diabetici senza farmaco: viene usato per dimagrire

Diabetici senza farmaco: viene usato per dimagrire

Max Laudadio racconta il caso Ozempic: il farmaco che serve per trattare il diabete di tipo 2 è introvabile in tutta Italia. E la ragione per tale carenza è particolare: si dice che, assunto da chi non è diabetico, l'Ozempic faccia dimagrire. La pratica senza prescrizione medica è promossa sui social da personaggi famosi e divi di Hollywood e anche per questo ha preso piede pure in Italia. E ha creato gravi problemi alle persone che hanno davvero bisogno del farmaco.

Quanta mandorla c'è nel Latte di mandorle?

Quanta mandorla c'è nel Latte di mandorle?

In "È tutto un magna magna" Max Laudadio va alla scoperta di una bevanda naturale molto amata, che si dovrebbe produrre con una percentuale di mandorle che si avvicina al 20% del totale. In realtà. In molti casi, non si supera il 5% e spesso ci si ferma intorno al 2%. Come si compensa con la differenza? Con additivi, che pur essendo perfettamente legali, certo con le mandorle hanno poco a che fare. Come si fa allora? Come sempre, meglio leggere bene le etichette, soprattutto quelle ...

Da dove viene il grano della pasta di Gragnano

Da dove viene il grano della pasta di Gragnano

Max Laudadio in "È tutto un magna magna" affronta il tema della pasta di Gragnano, località in provincia di Napoli rinomata per i mastri pastai, che hanno ottenuto il marchio IGP, Indicazione geografica protetta. Leggendo l'etichetta di certe confezioni di pasta di Gragnano, l'inviato scopre che è stata prodotta con "grano UE e non UE", cioè proveniente anche da Paesi al di fuori dell'Unione Europea. È tutto regolare? Sì, ma è l'occasione giusta per capire che cosa vuol dire veramente IGP.