News

I “furbetti del Cashback: continua l’inchiesta di Stefania Petyx

I “furbetti del Cashback: continua l’inchiesta di Stefania Petyx

I “furbetti del Cashback: continua l’inchiesta di Stefania Petyx

Stasera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Stefania Petyx torna a parlare degli espedienti per ingannare il Cashback di Stato, il sistema di incentivi per favorire i pagamenti elettronici al posto del contante.

L’inviata del tg satirico, dopo aver documentato alcuni escamotage utilizzati dagli acquirenti per ottenere il rimborso senza spendere un euro, ha raccolto diverse testimonianze di cittadini che – nel tentativo di effettuare un pagamento con carta di credito o bancomat – si sono “scontrati” con le opposizioni dei negozianti: alcuni di loro hanno chiesto ai clienti una commissione extra non dovuta, altri si sono semplicemente rifiutati di accettare il pagamento.

Il servizio integrale sarà trasmesso questa sera, ma Striscia continuerà a vigilare. Intanto, ecco com’è partita l’inchiesta. 

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti e gincane tra corsie e carreggiate

Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti ...

Stefania Petyx si occupa di una piaga autostradale nota come la Catania-Palermo, un percorso di 200 km che ora è diventato il tratto per un'avventura di 5 ore. Infatti, dopo 40 anni, sono iniziati per l'autostrada (ormai anziana), i lavori per riqualificarla e renderla più funzionale. Peccato che siano iniziati improvvisamente e tutti insieme, così da far diventare la tratta ormai impercorribile, un videogame dalle mille deviazioni con problematiche come allagamenti e lunghe code

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Bagni pubblici inesistenti a Palermo, la soluzione sono i bar

Stefania Petyx si trova a Palermo per parlarci di un problema "pubblico". Nel capoluogo siciliano, infatti, i vespasiani sono perlopiù chiusi o lasciati al più completo degrado. Una questione che riguarda non solo i palermitani, ma soprattutto i tanti turisti che ormai affollano la città. La nostra inviata è andata a sondare il terreno con le guide e i baristi costretti a sopperire alla mancanza del Comune ed è riuscita a strappare una promessa al sindaco Lagalla