News

L’AgCom dà ragione a Striscia: il Festival di Sanremo non è esclusiva della Rai

L’AgCom dà ragione a Striscia: il Festival di Sanremo non è esclusiva della Rai

L’AgCom dà ragione a Striscia: il Festival di Sanremo non è esclusiva della Rai

Basta essere una tivù nazionale in chiaro per mandare in onda un evento di grande rilevanza culturale quale il Festival di Sanremo, e non sta scritto da nessuna parte che lo debba fare la Rai. Lo dice addirittura l’Agcom, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. «Il Mise stila un elenco di trasmissioni che vanno messe a disposizione del pubblico non a pagamento, queste sono le condizioni e noi vigiliamo che ciò accada con standard elevati», spiega Massimiliano Capitanio, commissario Agcom, ai microfoni di Striscia la notizia nel nuovo episodio della rubrica “Rai Scoglio 24” in onda questa sera. E tra questi programmi c’è anche Sanremo. L’Agcom in sostanza conferma a Pinuccio che la Rai non ha diritto per forza a trasmettere in automatico il Festival di Sanremo, aprendo anche all’opzione bando per la kermesse.

Ricordiamo infatti che da una recente sentenza del Tar si evince che il marchio Festival della canzone italiana è di proprietà del Comune di Sanremo, che lo dà in gestione direttamente alla Rai, ma essendo il Comune un ente pubblico dovrebbe invece assegnarlo tramite un bando aperto a tutti. Ecco che allora Pinuccio rilancia la sua proposta “Un bando per il Festival di Sanremo”.

All’iniziativa hanno già espresso sostegno AudioCoop (Associazione di Coordinamento degli Editori e Produttori Discografici Indipendenti), Afi (Associazione Fonografici italiani) e Siedas (Società Italiana Esperti di Diritto delle Arti e dello Spettacolo).

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

La Rai non paga i diritti ai cantanti, il super scoop di Striscia

Grande scoop di Rai Scoglio 24: Pinuccio, grazie ad AFI (Associazione Fonografici Italiani), ha scoperto che la Rai deve oltre 30 milioni di euro a cantanti italiani e stranieri del calibro di Tiziano Ferro, Sting, Marco Mengoni e Fedez per una questione di diritti connessi di riproduzione. Non solo: sempre secondo Sergio Cerruti, presidente AFI, la tv di Stato starebbe spendendo soldi pubblici per secretare alcuni documenti legati al Festival di Sanremo

Sanremo, Fimi dà ragione a Striscia: un bando per il Festival

Sanremo, Fimi dà ragione a Striscia: un bando per il Festival

Continua l'inchiesta di Pinuccio sul Festival di Sanremo e sulla possibilità di assegnare la kermesse musicale - di proprietà del Comune di Sanremo - tramite un bando aperto, come si evince da una recente sentenza del Tar. Questo vuol dire che il Festival potrebbe non essere più un'esclusiva Rai, ma potrebbe essere organizzato e trasmesso da qualsiasi emittente nazionale in chiaro. Dopo AudioCoop, Afi e Siedas, anche Fimi (Federazione industria musicale italiana) ha deciso di aderire ...

La nave da crociera e la pubblicità occulta al Tg1

La nave da crociera e la pubblicità occulta al Tg1

Al Tg1 la pubblicità occulta continua a imperversare e, da qualche giorno, l'oggetto delle "attenzioni" della testata diretta da Monica Maggioni è la famosa nave da crociera che, guarda caso, è sponsor del Festival di Sanremo. Nessuno la nomina, eppure Pinuccio e "Rai Scoglio 24" fanno notare come in diversi servizi dell'inviato Rai Leonardo Metalli non si perda occasione per celebrare la sontuosità della nave, inquadrandola ripetutamente