News

Lesbo, ancora un incendio al campo profughi di Moria: migliaia di richiedenti asilo in fuga

Lesbo, ancora un incendio al campo profughi di Moria: migliaia di richiedenti asilo in fuga

Lesbo, ancora un incendio al campo profughi di Moria: migliaia di richiedenti asilo in fuga

Ancora un incendio al campo profughi di Moria, a Lesbo, dove le tensioni sono arrivate alle stelle.

Come già vi avevamo documentato diverse volte, le condizioni di vita cui sono costretti i richiedenti asilo sono da tempo inaccettabili.

La struttura, che ha il primato di essere la più grande d’Europa, ospita infatti quasi 13mila migranti, numero ben quattro volte più alto della capienza massima consentita.

Che con il Covid la situazione sarebbe potuta solo peggiorare era piuttosto prevedibile. E infatti così è stato.

Nonostante sull’isola fossero già stati rilevati dei casi, questi non avevano toccato il campo profughi. Almeno fino a qualche giorno fa, quando è stato rilevato il primo positivo.

Si tratta di un rifugiato somalo che, trasferito ad Atene, è poi rientrato a Moria. La decisione del Governo di istituire la quarantena di massa nel campo ha fatto sì che i casi siano arrivati a 35, scatenando le proteste dei migranti.

Lo stato di tensione degli ultimi giorni potrebbe essere alla base dei roghi che si sono scatenati in queste ore. Le autorità greche tendono a smentire questa ipotesi, ma alcuni vigili del fuoco hanno raccontato di aver fronteggiato resistenze da parte dei richiedenti asilo durante i soccorsi.

Al momento non risultano feriti, ma sarebbero migliaia i profughi fuggiti dalla struttura e che ora si ritrovano senza un posto per la notte.

Intanto, il governo greco ha annunciato lo stato d’emergenza.

Non è la prima volta che un incendio stravolge la vita nel campo profughi di Moria, né in quello della vicina isola di Samos. Già nei mesi scorsi più volte le fiamme erano divampate e in un’occasione erano persino morte una donna e una bambina.

Qui il servizio realizzato dalla nostra inviata Rajae solo lo scorso anno per documentare la situazione. 

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?