News

Incendio nel ghetto, due morti: l’inferno dei migranti raccontato da Striscia

Incendio nel ghetto, due morti: l’inferno dei migranti raccontato da Striscia

Incendio nel ghetto, due morti: l’inferno dei migranti raccontato da Striscia

La notizia è arrivata di prima mattina. Due giovani migranti, un uomo e una donna, entrambi africani, sono morti la scorsa notte in una baracca del cosiddetto ‘ghetto’ di Borgo Mezzanone (Foggia). A quanto si apprende sarebbero rimasti intossicati nel sonno dalle esalazioni di monossido di carbonio prodotte da un braciere utilizzato per riscaldarsi e posizionato accanto al letto”: così ha scritto l’Ansa, poi ripresa da tutti i siti di informazione e dai giornali.

Si torna a parlare di Borgo Mezzanone, nei pressi di Foggia, e del “ghetto” che ospita vicino a una base militare. Ma ce ne dimenticheremo presto, perché nessuno, o quasi, ci ha raccontato che cosa è davvero Borgo Mezzanone. Nessuno tranne Rajae Bezzaz, che per Striscia la notizia ha raccontato molte volte questa realtà, in particolare in un servizio del 5 novembre 2022 sul luogo dove vanno a morire i sogni dei migranti.

L’onorevole Aboubakar Soumahoro ha detto in televisione che nessuno parla degli incendi nei ghetti, ma Rajae Bezzaz non fa altro da molti anni: a Striscia la notizia ha raccontato quelli di Boreano in Basilicata, nel gran ghetto di Rignano, a Rosarno, in Calabria, ancora a Rignano, e al ghetto dei bulgari vicino a Borgo Mezzanone. Poi, due anni dopo, a Rosarno, sull’isola di Lesbo, in Grecia, a Borgo Mezzanone. Forse l’onorevole in questi anni non ha mai acceso la tv, oppure, purtroppo – come molti altri che potrebbero almeno tentare di fare qualcosa – ha preferito voltarsi dall’altra parte.

Il primo incendio che Rajae Bezzaz ha raccontato a Striscia la notizia risale al febbraio 2016, nel ghetto di Boreano in Basilicata. Come si vede in questo servizio, gli incendi non sono eventi rari in questi villaggi abusivi sorti soprattutto nel Sud del Paese. Anche in questo caso il nome di Borgo Mezzanone ritorna più volte.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Esclusivo: sedativi e gabbie nel CPR di Palazzo San Gervasio

Esclusivo: sedativi e gabbie nel CPR di Palazzo San Gervasio

Rajae Bezzaz è a Palazzo San Gervasio, in provincia di Potenza, in uno dei dieci CPR (Centri di permanenza per il rimpatrio) d'Italia. È difficilissimo entrarci o anche solo avere immagini di questi luoghi, che in teoria non sono prigioni: qui vengono identificati e rimpatriati gli immigrati irregolari. Striscia però è venuta in possesso di immagini e informazioni che suscitano molti interrogativi, e non può tacere.

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Aboubakar Soumahoro dice in tv che nessuno parla degli incendi nei ghetti, ma Rajae Bezzaz non fa altro da otto anni: a Striscia la notizia ha raccontato quelli di Boreano in Basilicata, nel gran ghetto di Rignano, a Rosarno, in Calabria, ancora a Rignano, e al ghetto dei bulgari vicino a Borgo Mezzanone. Poi, due anni dopo, a Rosarno, sull'isola di Lesbo, in Grecia, a Borgo Mezzanone. Onorevole, in questi anni non ha mai acceso la tv?

Capodanno globale: come festeggia il mondo che abbiamo in casa

Capodanno globale: come festeggia il mondo che abbiamo in casa

Rajae Bezzaz è a Torino, in uno dei luoghi più multiculturali d'Italia, per indagare sui tanti modi diversi in cui Capodanno si festeggia nelle varie culture che convivono oggi nel nostro Paese: scopriamo così che anche per i cinesi d'Italia esiste un doppio Capodanno e che - attenzione! - il 2023 sarà l'anno della tigre. I marocchini salutano il 1444 e non il 2023. E i bengalesi ballano tanto, ma poi si riposano anche per due giorni.

Gli interpreti afghani abbandonati dall'Italia: la storia di Sayed

Gli interpreti afghani abbandonati dall'Italia: la storia di ...

Da ormai un anno Striscia si occupa di accendere i riflettori sugli interpreti afghani abbandonati dal contingente italiano, dopo la precipitosa fuga in seguito alla presa del potere dei talebani. Rajae ci racconta la storia di un papà ridotto a stare per strada con la sua famiglia. Grazie all'intervento di Striscia la situazione sembra essersi risolta, almeno per moglie e figli, anche se non sono mancati gli intoppi e i depistaggi