News

Lo scandalo della sede Rai di Bruxelles: 3mila euro al giorno a un’azienda esterna per dieci anni (senza appalto)

Lo scandalo della sede Rai di Bruxelles: 3mila euro al giorno a un’azienda esterna per dieci anni (senza appalto)

Lo scandalo della sede Rai di Bruxelles: 3mila euro al giorno a un’azienda esterna per dieci anni (senza appalto)

L’indagine di “Rai Scoglio 24” (il canale di Striscia “dedicato” alla Rai) sulla sede Rai a Bruxelles prosegue e si arricchisce di elementi sempre più inquietanti.

Nella puntata di ieri con Pinuccio abbiamo raccontato di come la Rai presenti la sede di Bruxelles come un vero e proprio fiore all’occhiello. Un fiore decisamente caro, però! Secondo le fonti di “Rai Scoglio 24”, i costi si aggirerebbero attorno ai 30 mila euro al mese solo per gli uffici, a cui vanno aggiunti gli stipendi dei 3 corrispondenti, gli alloggi, i tecnici, le diarie. Facendo due conti l’operazione belga dovrebbe pesare sui già sofferenti bilanci Rai per 4/5 milioni l’anno.

Ma c’è di peggio. Questa sera Striscia rivelerà un aspetto ancora più “scabroso” che riguarda la grandeur della Rai di Bruxelles. Nonostante la struttura “fissa”, infatti, per i montaggi e le riprese da anni ci si avvale anche dei servizi di un’azienda esterna, per i quali la Rai pagherebbe la bellezza di circa 3 mila euro al giorno. Ma dell’appalto con questo fornitore non vi sarebbe traccia. E infatti per la vicenda sono già state presentate delle denunce all’Autorità nazionale anticorruzione. «Questa situazione, incredibilmente, si trascinerebbe da oltre 10 anni – spiega Massimiliano Capitanio, segretario della commissione di Vigilanza Rai – Chiederemo una relazione dettagliata alla Rai su quanto accaduto ed eventualmente di procedere a una gara che segua le regole degli appalti».

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Rai, caos televoto e caso Travolta agitano la Vigilanza

Rai, caos televoto e caso Travolta agitano la Vigilanza

Pinuccio nonostante lo sciopero (quello dei pullman, non quello dei giornalisti) arriva a Palazzo San Macuto, dove si riunisce la vigilanza Rai. Sui 7 milioni presunti di televoti non conteggiati a Sanremo servirà un supplemento d'indagine con Tim, seppur tardivo. E sullo "spot" delle scarpe? Per l'ad Roberto Sergio l'attore americano ha compiuto una violazione. E Amadeus? Non ha pronunciato la frase che è lo spot della marca?

Varato il

Varato il "Decreto Fuortes", un'altra poltrona per l'ad Rai

A Rai Scoglio24, Pinuccio indaga su quello che sarà ricordato come il “Decreto Fuortes”: l’attuale amministratore delegato Rai Carlo Fuortes potrebbe prendere la direzione a Napoli, del Teatro San Carlo. «Peccato che il San Carlo un sovrintendente ce l’abbia già: Stephane Lissner», spiega Pinuccio. Che aggiunge: «Il Consiglio dei Ministri ha varato un decreto che prevede il pensionamento dei sovrintendenti lirici stranieri (prima valeva solo per gli italiani) che hanno superato i 70 anni di età». Una norma che “taglierebbe” fuori proprio il 70enne Lissner.

Troppi debiti e spese per gli esterni, sciopero Rai il 26 maggio

Troppi debiti e spese per gli esterni, sciopero Rai il 26 maggio

Pinuccio di Rai Scoglio24 ci aggiorna sugli ultimi sviluppi del caso Rai: i sindacati hanno indetto uno sciopero generale di tutti i dipendenti per protestare contro la gestione della Tv di Stato, che ha accumulato più di mezzo miliardo di debiti. Sotto accusa, i tanti appalti esterni. Ci sono programmi, come "Non sono una signora", lo show delle drag queen con Alba Parietti, che sono costati parecchio e non vanno neppure in onda.

La Rai denunciata:

La Rai denunciata: "Non riconosce i diritti ai musicisti"

Pinuccio di Rai Scoglio24 racconta un clamoroso sviluppo della questione diritti connessi (quelli derivanti dallo sfruttamento dell'opera musicale per le emissioni radiofoniche, televisive e in streaming): l'Associazione fonografici italiani (Afi) ha annunciato che denuncerà la Rai per truffa aggravata, per non averli pagati. Interviene anche Beppe Vessicchio, che racconta di essere stato "boicottato" dall'ufficio scritture Rai in seguito alla sua denuncia.