News

Davvero Soumahoro non sapeva dell’ispezione alla coop?

Davvero Soumahoro non sapeva dell’ispezione alla coop?

Davvero Soumahoro non sapeva dell’ispezione alla coop?

Aboubakar Soumahoro non ha mai voluto rispondere alle 17 domande di Striscia la notizia (chi le volesse leggere tutte, le trova in fondo a questo pezzo), ma ha ricominciato finalmente a parlare in pubblico. Il 10 gennaio a DiMartedì (La7), l’onorevole eletto con Verdi/Sinistra Italiana, ora nel Gruppo misto, ha ribadito di non essere mai stato al corrente di quello che succedeva nelle cooperative gestite dalla moglie e dalla suocera. Ai microfoni del programma di La7 ha sostenuto di non sapere nulla dell’ispezione dell’ex senatrice Cinquestelle Elena Fattori nelle cooperative ora al centro di un’indagine. 

Soumahoro fa confusione sulla data dell’ispezione alla coop

Soumahoro si è difeso sostenendo che i fatti risalivano al 2018, ovvero prima che lui si fidanzasse con Liliane Murekatete (relazione iniziata nell’estate 2018, per sua dichiarazione). Ma, ops, questa volta sbaglia le date. Nel servizio andato in onda a Striscia la notizia, Pinuccio fa notare che l’ispezione è avvenuta in realtà nel 2019, come conferma la stessa senatrice Fattori: «Era il 2019. Il centro effettivamente era in condizioni deplorevoli».

Oltre alla coop, Striscia si è occupata anche dei fondi spariti dalla Lega Braccianti

A differenza degli altri media, Striscia la notizia non si è occupata solamente dello scandalo delle cooperative sociali gestite dalla compagna e dalla suocera dell’ex sindacalista, ma dei fondi spariti dalla Lega Braccianti, dopo le accuse, raccolte sempre da Pinuccio, dei suoi due ex soci, e delle raccolte fondi rendicontate solo parzialmente e con strane contraddizioni.

Però il tg satirico ha già portato diverse prove che mostravano come l’onorevole non potesse non sapere cosa accadesse nelle coop della signora Mukamitsindo. Nel 2020 Soumahoro con la Lega Braccianti aveva inaugurato a Latina una delle sue case dei diritti, proprio all’interno della cooperativa Karibu della suocera. E il suo amico storico – il sindacalista Yacouba Saganogo – aveva raccontato che Aboubakar spingeva per non fare mai manifestazioni della Lega Braccianti nel Lazio, ovvero dove avevano sede gli affari di famiglia della moglie.

Questa è solo una delle tante bugie raccontate da Soumahoro, le altre nelle prossime puntate…

Come accennato, Striscia la notizia ha preparato una lista di 17 quesiti da sottoporre ad Aboubakar Soumahoro, ma lui non ha mai voluto rispondere. Queste le domande:

1. Come sono stati spesi i fondi raccolti per la pandemia?

2. A chi sono stati consegnati i regali della raccolta di Natale destinati ai bambini di Torretta Antonacci e Borgo Mezzanone?

3. Quanti soldi sono stati raccolti su PayPal e sul suo conto corrente personale e come sono stati spesi i fondi di quelle collette?

4. Come mai il rimpatrio della stessa salma è stato utilizzato come giustificativo di tre raccolte diverse?

5. Nell’accordo col patronato cosa era previsto e perché i suoi ex soci riferiscono di percentuali sulle pratiche?

6. Ci può fornire il verbale dell’assemblea in cui sono stati estromessi i due soci fondatori della Lega Braccianti?

7. Oltre al bilancio, è possibile vedere nel dettaglio le entrate e uscite dell’Associazione Terzo Settore Lega Braccianti?

8. Ha mai fatto il bracciante agricolo in Italia?

9. Con che fondi ha pagato la campagna elettorale?

10. Gli stivali di gomma portati in parlamento sono suoi?

11. Perché non voleva fare entrare altre associazioni all’interno del ghetto e doveva gestire tutto lui con la Lega Braccianti?

12. Chiedevate soldi ai braccianti per le pratiche sindacali?

13. Ma i soldi al partito li stai versando?

14. Può escludere che si era circondato di alcuni caporali, all’interno del ghetto?

15. Può escludere queste richieste fatte alla Prefettura su meno controlli per i mezzi che trasportavano i migranti nei campi?

16. È vero che l’aggressione ai danni del sindacalista è stata effettuata da alcune persone della Lega Braccianti?

17. Come se li è pagati tutti questi viaggi in giro per il mondo?

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Incendi nei ghetti. Chi ne parla e chi finge di non sentire

Aboubakar Soumahoro dice in tv che nessuno parla degli incendi nei ghetti, ma Rajae Bezzaz non fa altro da otto anni: a Striscia la notizia ha raccontato quelli di Boreano in Basilicata, nel gran ghetto di Rignano, a Rosarno, in Calabria, ancora a Rignano, e al ghetto dei bulgari vicino a Borgo Mezzanone. Poi, due anni dopo, a Rosarno, sull'isola di Lesbo, in Grecia, a Borgo Mezzanone. Onorevole, in questi anni non ha mai acceso la tv?

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Caso Soumahoro, il leader costruito a tavolino: parola di Zoro

Aboubakar Soumahoro è un personaggio costruito a tavolino da alcuni maitre à penser della sinistra, in particolare dall'ex direttore dell'Espresso Marco Damilano e dal conduttore di Propaganda Live Diego Bianchi, noto come Zoro. Lo hanno detto in molti dopo lo scandalo che ha investito l'ex sindacalista e la sua famiglia. Striscia ora mostra in esclusiva un video girato al Festival del giornalismo di Perugia il 7 aprile 2019 in cui sono loro stessi ad ammetterlo

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: il parere degli italiani

Fratoianni e Bonelli devono dimettersi per il Caso Soumahoro: ...

Gli onorevoli Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli - rispettivamente leader di Sinistra Italiana e dei Verdi - devono dimettersi dopo l'affaire Soumahoro, per non aver ascoltato i molti avvertimenti di chi aveva più di qualche perplessità sull'operato dell'ex sindacalista di Lega Braccianti. È questo il parere dei telespettatori di Striscia la notizia: favorevoli alle dimissioni il 97% di chi ha detto la sua sul sito