News

L’arresto di Messina Denaro, giorno storico per la lotta alla mafia

L’arresto di Messina Denaro, giorno storico per la lotta alla mafia

L’arresto di Messina Denaro, giorno storico per la lotta alla mafia

Il 16 gennaio 2023 rimarrà nella storia della lotta alla mafia: nelle prime ore del mattino si è diffusa la notizia dell’arresto del boss mafioso Matteo Messina Denaro, dopo 30 anni di latitanza. Messina Denaro è stato arrestato all’interno della clinica privata La Maddalena di Palermo, dove era in cura da oltre un anno, ed è stato subito trasferito in una località segreta.
Pare che l’ex superlatitante (come venivo definito dai media) facesse periodicamente controlli in quella struttura, che la notte, durante il blitz del Ros, è stata “messa in sicurezza” con diverse decine di uomini per proteggere gli altri pazienti. La direttrice della clinica ha raccontato che al momento dell’arresto Messina Denaro era in coda per fare un tampone, coperto da un falso nome e che, malgrado sia piuttosto malandato, ha tentato la fuga. È stato catturato per strada.

Matteo Messina Denaro ha 60 anni, è originario di Castelvetrano, in provincia di Trapani, ed è figlio di don Ciccio Messina Denaro, boss locale alleato dei corleonesi di Totò Riina, morto nel 1998 (per questo è stato anche definito “l’ultimo corleonese”).

È latitante dall’estate del 1993, l’anno delle bombe a Firenze, a Milano e a Roma e dell’attentato a Maurizio Costanzo. Non ha mai fatto un giorno di carcere, anche se è stato condannato all’ergastolo per decine di omicidi, tra i quali quello del piccolo Giuseppe Di Matteo, strangolato e sciolto nell’acido dopo quasi due anni di prigionia, per le stragi del ’92 costate la vita ai giudici Falcone e Borsellino, e per gli attentati del ’93.

Striscia la notizia segue da sempre la lotta alla mafia con attenzione e partecipazione. Ha fatto epoca, nel 2007, il servizio di Stefania Petyx a Corleone, davanti la casa della famiglia Riina. Un gesto che nessuno aveva mai compiuto prima di allora.

Si dice che Totò Riina chiamasse Messina Denaro “l’affarista”, per i suoi legami ancora tutti da scoprire con la politica, l’imprenditoria e la massoneria non solo siciliana. È stato abilissimo a scomparire per tanto a tempo (Totò Riina sfuggì alle manette per 23 anni, Bernando Provenzano per 38) e in fondo pochissimo si sa di lui.
I cronisti che seguono la mafia si chiedono come reagirà ora al carcere duro che sicuramente gli sarà riservato. E proprio per questo l’arresto del 16 gennaio potrebbe diventare un momento storico per la lotta alla mafia in Sicilia e non solo.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Petyx aggredita a Campobello di Mazara, ultimo covo di Messina Denaro

Petyx aggredita a Campobello di Mazara, ultimo covo di Messina ...

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) in esclusiva le primissime immagini dell'aggressione subita da Stefania Petyx a Campobello di Mazara, ultimo covo del boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro. L'inviata del tg satirico, in missione per chiedere ai cittadini un selfie contro la mafia, invece di ricevere solidarietà è stata insultata, minacciata e poi quasi investita da un motorino. Il servizio integrale andrà in onda nella puntata del 27 gennaio.

Pernacchie per i progetti di edilizia popolare a Palermo

Pernacchie per i progetti di edilizia popolare a Palermo

Stefania Petyx si occupa dell'occupazione abusiva: a Palermo un bene sequestrato alla mafia è occupato da 10 anni da 41 famiglie con circa 80 bambini. Negata la possibilità di affittare casa in mancanza di contratti lavorativi e garanti, ora che hanno ricevuto un avviso di sfratto, queste famiglie dove finiranno? È l'annoso problema dell'edilizia popolare di Palermo, che ha perso la possibilità di accedere al Pnrr, qui diventato Prrr!

Nel 2023 siamo tutti più buoni: ecco

Nel 2023 siamo tutti più buoni: ecco "Good news" dalla Sicilia

Dopo i servizi di Striscia molti problemi vengono risolti: ecco alcune "Good News". Stefania Petyx ci racconta che al porticciolo di Marinella di Selinunte in provincia di Trapani finalmente i lavori per liberare il porto sono arrivati a una svolta. Anche per il cantiere sulla circonvallazione di Palermo (che si allagava a ogni nubifragio) ora c'è una soluzione. Infine, sempre a Palermo, si stanno risolvendo le difficoltà relative al rinnovo della carta d'identità.

I bambini dello Zen meritano un regalo speciale: un giardino senza immondizia

I bambini dello Zen meritano un regalo speciale: un giardino ...

Stefania Petyx torna in un luogo che è un mondo a parte, una Palermo dentro Palermo: il quartiere Zen, dove i bambini hanno un desiderio diverso da quello di tutti gli altri. Vorrebbero una piazza! Sì, perché i due piccoli polmoni verdi sono ridotti a immondezzai: Striscia la notizia si era fatto promettere dagli assessori regionali competenti che sarebbero intervenuti, ma non è ancora successo niente. Abbiamo fatto un nodo al fazzoletto.

Movida selvaggia a Palermo, la vendita di alcol ai minori

Movida selvaggia a Palermo, la vendita di alcol ai minori

Stefania Petyx torna a occuparsi del problema della movida selvaggia a Palermo. Dopo averci mostrato come alla Vucciria circolino droga e alcol fino a tarda notte, la nostra inviata ha fatto un giro anche per altri quartieri del capoluogo e ha scoperto che sono diverse le zone dove la situazione non è poi così diversa. In molti locali, infatti, si vendono alcolici ai minorenni. L'assessore alle attività produttive del Comune di Palermo Giuliano Forzinetti, però, promette di prendere ...

La movida a Palermo tra musica, droga e alcol per le strade

La movida a Palermo tra musica, droga e alcol per le strade

Stefania Petyx ha raccolto le testimonianze dei residenti del quartiere la Vucciria di Palermo, esausti ed esasperati dalla movida notturna. Nonostante le diverse lamentele, il Comune per ora sembra non voler prendere provvedimenti, ma la nostra inviata, grazie a una complice, ci mostra le immagini di quello che avviene per le strade, tra banchetti abusivi che vendono alcolici e pusher che sono veri e proprio minimarket della droga che avvicinano i giovani nottamboli cercando di vendere ...

Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti e gincane tra corsie e carreggiate

Catania-Palermo, l'autostrada impossibile: cantieri infiniti ...

Stefania Petyx si occupa di una piaga autostradale nota come la Catania-Palermo, un percorso di 200 km che ora è diventato il tratto per un'avventura di 5 ore. Infatti, dopo 40 anni, sono iniziati per l'autostrada (ormai anziana), i lavori per riqualificarla e renderla più funzionale. Peccato che siano iniziati improvvisamente e tutti insieme, così da far diventare la tratta ormai impercorribile, un videogame dalle mille deviazioni con problematiche come allagamenti e lunghe code