News

Striscia la notizia, “molti centri anti-violenza sono rimasti a bocca asciutta”

Striscia la notizia, “molti centri anti-violenza sono rimasti a bocca asciutta”

Striscia la notizia, “molti centri anti-violenza sono rimasti a bocca asciutta”

Questa sera, lunedì 11 febbraio, a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35), Rajae si occupa dei fondi contro la violenza sulle donne.

L’inviata spiega: «Una pioggia di denaro ha fatto miracolosamente moltiplicare le iniziative a difesa delle donne. E anche chi prima si occupava d’altro non ha potuto resistere al richiamo della nobile causa». Rajae aggiunge: «Così 11.700.000 euro sono finiti, a vario titolo, anche nelle casse di società sportive, associazioni e agenzie di comunicazione. Mentre molti centri anti-violenza sono rimasti a bocca asciutta».

L’inviata si domanda: «Com’è possibile che il dipartimento delle pari opportunità si dimentichi di una realtà che opera concretamente, tutti i giorni, per combattere la violenza contro le donne e invece finanzia la Nazionale cantanti (175.000 euro); un rugby club di Roma (circa 125.000 euro); l’Enciclopedia Treccani (175.000 euro), la fondazione che organizza la festa del Cinema di Roma (100.000 euro) e anche la ESOweb, che si occupa di smaltimento rifiuti (100.000 euro)?».

Interrogato da Rajae, Vincenzo Spadafora, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle pari opportunità, precisa: «Ho istituito un comitato di monitoraggio perché voglio andare a vedere i programmi, i progetti che sono stati finanziati».

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?