News

Striscia sventa truffa da 150mila euro, l’anteprima

Striscia sventa truffa da 150mila euro, l’anteprima

Striscia sventa truffa da 150mila euro, l’anteprima

L’inviata di Striscia Rajae ha sventato una truffa ai danni di un ristoratore di Chieri (Torino) che, dopo aver messo online l’annuncio per vendere la sua attività, era stato contattato da un sedicente broker immobiliare svizzero interessato all’affare. «La cosa che mi ha insospettito è che il broker abbia subito fissato un appuntamento a Roma per stabilire il metodo di pagamento, senza neppure aver visto il locale», ha dichiarato il ristoratore che si è subito rivolto a Striscia.

Così, una troupe del Tg satirico ha documentato l’incontro, avvenuto in un hotel di Roma, dove il broker e il titolare della società svizzera si sono offerti di acquistare il ristorante a una cifra addirittura più alta di quella dell’annuncio, ma richiedendo in anticipo e in nero la provvigione di 150 mila euro.

All’arrivo dell’inviata di Striscia i due truffatori si sono dati precipitosamente alla fuga, forse aiutati dal personale dell’albergo.

Rajae ha successivamente cercato spiegazioni in hotel, scoprendo anche che i due “clienti” non erano stati registrati all’ingresso, senza trovare però collaborazione dal personale. 

Non è la prima volta che Striscia riesce a sventare una truffa del genere. Già qualche tempo fa il tg satirico era stato contattato da un altro telespettatore per una vicenda simile che aveva visto gettarsi all’inseguimento il nostro Moreno Morello.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?