News

Castello Utveggio di Palermo, la Regione annuncia il via al recupero

Castello Utveggio di Palermo, la Regione annuncia il via al recupero

Castello Utveggio di Palermo, la Regione annuncia il via al recupero

Tutto pronto per riportare agli antichi fasti il Castello Utveggio. Secondo quanto si legge su Palermotoday, infatti, il primo progetto sarebbe già pronto, mentre dalla Regione assicurano: «Chiuderemo un’altra pagina d’incuria aperta nel passato».

Dell’imponente palazzo in stile liberty che sorge su Monte Pellegrino dominando sulla città vi avevamo già parlato poco tempo fa con un servizio della nostra Stefania Petyx.


La costruzione è stata per trent’anni la sede del Cerisdi, la scuola di alta formazione della Regione Siciliana che l’ex presidente Rosario Crocetta decise di chiudere nel 2016. Da lì il declino, almeno fino a oggi.

Il documento porta la firma dell’Ufficio speciale per la progettazione di Palazzo d’Orleans, che lo ha già trasmesso al Dipartimento regionale tecnico.
Il progetto prevede una serie di interventi a livello strutturale che riguarderanno il ripristino di alcune aree, come i locali della foresteria e il fabbricato rurale attiguo, oltre a interessare anche i giardini esterni.

Opere che hanno già ottenuto il benestare della sovrintendenza dei Beni culturali e dell’ente gestore della Riserva naturale di Monte Pellegrino. I lavori dovrebbero durare sei mesi e il costo stimato ammonta a circa 300mila euro.

«Sarà recuperata un’altra sede prestigiosa appartenente al patrimonio regionale, lasciata a lungo in stato d’abbandono e le cui enormi potenzialità sfrutteremo fino in fondo», ha dichiarato il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumesi, senza entrare nei dettagli di quelli che sono i piani per l’utilizzo che sarà fatto degli spazi di Castello Utveggio.

Vi terremo aggiornati in merito.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
La crisi idrica in Sicilia e il naufragio dei dissalatori

La crisi idrica in Sicilia e il naufragio dei dissalatori

Vietato innaffiare le piante e lavare le auto a Palermo: la Regione ha chiesto lo stato di emergenza per siccità. Che fare? Tra le soluzioni proposte c'è quella dei dissalatori. Peccato che sull'isola ne esistessero già tre, due dei quali fuori uso - come ci spiega Stefania Petyx - e che mezzo secolo fa Gela vantasse l'impianto più grande d'Europa: non funziona nemmeno quello ma ogni anno costa 10 milioni di euro ai siciliani

Palermo, è arrivato il giorno delle buone notizie

Palermo, è arrivato il giorno delle buone notizie

Stefania Petyx e il bassotto ci aggiornano su diversi casi siciliani che sembrano risolti o in via di soluzione, anche grazie a Striscia: l'aumento di stipendio dei parlamentari regionali (bloccato), il porto canale di Mazara del Vallo (finalmente dragato), il palazzetto dello sport di Cefalù (sarà riaperto), la stazione dell'Orsa a Cinisi. L'albero Falcone verrà salvato e la buca stradale vicino alla cattedrale è stata chiusa