News

Padova, compravendita di pellicce e oro. Cinque denunce. Il servizio di Striscia

Padova, compravendita di pellicce e oro. Cinque denunce. Il servizio di Striscia

Padova, compravendita di pellicce e oro. Cinque denunce. Il servizio di Striscia

I soggetti davano appuntamento in un hotel per valutare il valore degli oggetti preziosi. Ora la merce è stata sequestrata. Il 4 marzo 2024 Moreno Morello si è occupato del caso.

Acquistavano oro, pellicce e altri preziosi usati in un hotel. Come riportato da un comunicato stampa della Guardia di Finanza, cinque persone sono state identificate dai militari del Comando Provinciale di Padova e la merce di valore oggetto del loro commercio (che consiste in pietre, anelli, bracciali, orecchini, monili e pepite d’oro) è stata sottoposta a sequestro probatorio e ora se ne sta stimando il valore. Del caso se ne è occupata anche Striscia la notizia e il 4 marzo 2024 Moreno Morello ha seguito gli annunci pubblicitari dove si prometteva di comprare gioielli e pellicce a prezzi molto vantaggioso. L’appuntamento per valutare gli oggetti era proprio un albergo del padovano. E lì l’inviato si è recato per incontrare i misteriosi businessmen

Compravendita di oro e pellicce usate: denunciate cinque persone 

Tornando al sequestro svolto dalle autorità, il comunicato stampa precisa che i cinque identificati sono quattro cittadini stranieri e uno italiano che «operavano in assenza della necessaria iscrizione nell’apposito registro tenuto dall’Organismo degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi». Ora sono stati tutti denunciati alla Procura della Repubblica di Padova «per il reato di esercizio abusivo dell’attività di compro oro».

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Gli squali dei contratti di luce e gas pt. 2. Bugie e insulti agli anziani

Gli squali dei contratti di luce e gas pt. 2. Bugie e insulti ...

Moreno Morello continua l'inchiesta sull'agenzia attiva tra Lazio e Piemonte che, presentandosi come partner di Acea Energia, avrebbe raggirato gli utenti che avevano appena cambiato fornitore, tentando di farli tornare sui proprio passi sostenendo che ci fossero (false) anomalie nelle bollette, risolvibili con un intervento tecnico. In realtà lo scopo era fargli firmare un nuovo contratto. L'inviato intervista Giuseppe Lauretti, l'avvocato dell'agenzia

Acquisti, investimenti? Ma no, si trattava di donazioni o contributi associativi

Acquisti, investimenti? Ma no, si trattava di donazioni o contributi ...

Moreno Morello continua l'indagine sul "promotore" che avrebbe facilitato il trasferimento all'estero di circa un milione di euro di tanti cittadini attraverso la piattaforma Venice Swap. L'ideatore dei gettoni che tante persone ricevevano a seguito dei versamenti in euro è l'indipendentista veneto Gianluca Busato, che dice: questi "token", o gettoni digitali, non erano una forma di investimento, ma un sostegno a un club di imprenditori