News

Il Salone del Libro applaude Striscia la notizia dopo la denuncia degli insulti sessisti del direttore Lagioia

Il Salone del Libro applaude Striscia la notizia dopo la denuncia degli insulti sessisti del direttore Lagioia

Il Salone del Libro applaude Striscia la notizia dopo la denuncia degli insulti sessisti del direttore Lagioia

«Con lei c’è una sola cosa da fare. La prendi. La metti a novanta appoggiata a un tavolo. Poi prendi Lolita di Nabokov. Strappi le pagine. Gliele infili una per una nel c**o. Dopo un po’, per osmosi, qualcosa assimila per forza». Questa frase sessista e volgarissima indirizzata contro la collega Melissa Panarello l’ha pronunciata anni fa lo scrittore barese Nicola Lagioia, direttore del Salone del Libro in corso a Torino.

Oggi l’inviata Rajae (qui il link per rivedere il primo servizio) è tornata sul campo, a Torino, per capire come mai questo enunciato non abbia scandalizzato e indignato tutti gli intellettuali che partecipano al Salone, che si autoproclama “dell’inclusione”. 

«Inaccettabile, meglio non aggiungere null’altro se non chiedere all’autore di questa frase di domandare scusa», dice Ferruccio De Bortoli. «Frase non adeguata e non accettabile», secondo la ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa. Ma dal cosiddetto “Cerchietto magico” sfuggono in tanti. L’influencer e sex columnist Carlotta Vagnoli proprio non ha tempo per commentare: «Devo andare a lavorare». «Trovo la domanda che mi fate sgradevole. Non voglio commentare», dice concitatissima la scrittrice Chiara Valerio.

Luciana Littizzetto, invece, “cade dal pero”, ma chiede un applauso per Striscia e per tutte le donne che scrivono libri per le altre donne. E il Salone risponde.

Il servizio completo stasera a Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?