News

Niente Tampon Tax (di nuovo): bocciato ancora una volta l’emendamento per ridurre l’Iva

Niente Tampon Tax (di nuovo): bocciato ancora una volta l’emendamento per ridurre l’Iva

Niente Tampon Tax (di nuovo): bocciato ancora una volta l’emendamento per ridurre l’Iva

Questa Tampon Tax non s’ha da fare. Anche questa volta è stata bocciata la proposta per abbassare l’Iva sugli assorbenti, ormai argomento di dibattito da anni. 
La commissione Finanze della Camera ha infatti dichiarato inammissibile l’emendamento al decreto fiscale presentato da Laura Boldrini, quello che riguardava l’articolo 45. 

La mozione, firmata da altre 32 deputate di vari gruppi politici proponeva la riduzione dal 22% al 10% su tamponi e assorbenti: «Perché non sono beni di lusso, ma una necessità», aveva scritto la deputata su Twitter.

«L’abbassamento dell’Iva sui prodotti sanitari e igienici femminili è doveroso – aveva aggiunto ieri -. Una battaglia che intendiamo portare a termine anche per chi come Civati non ha mai smesso di impegnarcisi». Oggi arriva l’ennesimo stop. 

Questo il testo della poposta: «Ai prodotti sanitari e igienici femminili, quali tamponi interni, assorbenti igienici esterni, coppe e spugne mestruali, si applica l’aliquota del 10 per cento dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) ai sensi di quanto disposto dal secondo comma dell’articolo 16 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633», aggiungendo che nella categoria «prodotti sanitari e igienici femminili» venissero quindi inclusi «assorbenti igienici esterni, tamponi interni, coppe e spugne mestruali».
Niente da fare, però, l’Iva rimane al 22%, ossia la tassazione prevista per i beni di lusso.

Striscia è stata la prima a occuparsi di questo tema, non solo fiscale, ma sociale. Fin dal 2017 la nostra Rajae si è interessata di raccogliere l’appello di personaggi del mondo dello spettacolo per sensibilizzare il pubblico sulla questione. 

Lo scorso anno, poi, il movimento Onda Rosa aveva lanciato una petizione promossa su change.org che aveva raccolto circa 225mila firme. Il PD aveva presentato quindi un emendamento, respinto dalla Commissione Bilancio nel maggio 2019 per mancanza di coperture finanziarie. Secondo l’allora presidente della commissione Carla Ruocco, l’operazione sarebbe costata allo Stato 212 milioni. 

Peccato che le dichiarazioni della Ruocco erano state seguite da quelle di Francesco d’Uva dei 5 Stelle, che a Omnibus aveva dichiarato: «Non abbiamo abbassato l’Iva sugli assorbenti perché non c’era la copertura finanziaria in quel provvedimento. E, in più, noi siamo anche per l’ambiente, non siamo a favore degli assorbenti usa e getta. Ci sono delle possibilità non inquinanti, come le coppette mestruali e i pannolini lavabili».
Parole che avevano scatenato l’ira di parecchie donne e anche di qualche uomo, specie sui social. 

Abbassare l’Iva sugli assorbenti sarebbe un segno di civiltà, come più volte abbiamo cercato di sottolineare nei nostri servizi. Ecco qualche numero di quanto costi alle donne italiane acquistare tamponi e pannolini ogni anno.


Tutto da rifare, ancora una volta.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Donne segregate e violentate nel fortino della droga

Donne segregate e violentate nel fortino della droga

Continua il reportage di Rajae Bezzaz sulle ex officine Romanazzi di Roma, diventate fortino di spaccio e degrado. Qui secondo l'associazione "La svolta" alcune donne vengono abusate e segregate. L'inviata cerca di documentare il degrado di questa cittadella perduta ma viene accolta con lanci di bottiglia e da un uomo armato di machete. Arrivano le forze dell'ordine che raccontano a Rajae la difficoltà di intervenire in un contesto come questo

Il dissenso comodo e il sessismo di Lagioia verso Melissa P

Il dissenso comodo e il sessismo di Lagioia verso Melissa P

Rajae Bezzaz parte dalle contestazioni alla ministra Roccella, ritenute legittime dall'ex direttore del Salone del libro nel 2023. L'inviata ci invita però a tornare al 2022, all'altrettanto legittima protesta di un gruppo di donne contro lo stesso Nicola Lagioia per le sconcertanti parole sessiste da lui scritte su Melissa Panarello. Le pacifiche manifestanti, che Lagioia definì "aggressive", distribuivano volantini: furono identificate dalle forze dell'ordine e allontanate

Cpr di Potenza, come e quando è morto Ozaro Whumang?

Cpr di Potenza, come e quando è morto Ozaro Whumang?

Seconda parte dell'inchiesta di Rajae Bezzaz sulla morte di Ozaro Whumang, rinchiuso tra il 5 e il 6 ottobre 2022 in una cella del Cpr di Palazzo San Gervasio in Basilicata. La mattina dopo l'ingresso nel Cpr l'uomo di origini nigeriane, secondo un testimone in delicate condizioni di salute, sarebbe stato portato via per essere ricoverato all'ospedale di Melfi. Secondo le dichiarazioni dei sanitari sarebbe arrivato però al Pronto Soccorso solo nel pomeriggio del giorno dopo. Perché?

Potenza, morte misteriosa di un uomo trattenuto in un Cpr

Potenza, morte misteriosa di un uomo trattenuto in un Cpr

Questa è la prima parte dell'inchiesta di Rajae Bezzaz sulla morte di Ozaro Whumang, trattenuto nel Cpr di Palazzo San Gervasio in Basilicata. Secondo un compagno di cella il ragazzo stava già male quando è entrato: il giorno dopo sono arrivate le forze dell'ordine e l'uomo sarebbe stato portato via in ambulanza. Ma l'uomo è stato trasportato al Pronto Soccorso? E perché poi in una telefonata partita dal Comune si parla del ritrovamento del suo cadavere nelle campagne di San Nicola?

Volpini di Pomerania, cercasi risposte sui cuccioli

Volpini di Pomerania, cercasi risposte sui cuccioli

Rajae Bezzaz torna a occuparsi del sedicente animalista Antonio Colonna protagonista negli anni di diversi sequestri di cani. Sembra infatti che l'uomo abbia preferito querelare Striscia la notizia piuttosto che rispondere alle domande dell'inviata. Dopo di che ha organizzato una conferenza stampa insieme ai suoi amici. Colonna ha sempre evitato il confronto con i microfoni del tg satirico, ma Rajae rinnova la proposta di un'intervista. Accetterà?

Stalking. Oltre alla denuncia, esiste l'ammonimento

Stalking. Oltre alla denuncia, esiste l'ammonimento

Rajae torna a parlarci del caso di Carmen, vittima di molestie, e si chiede perchè le forze dell'ordine facciano fatica a intervenire in casi del genere. La risposta è nella testimonianza di un'altra donna che invita ad ammonire il proprio aguzzino, intimandogli di non commettere più minacce o intrusioni nella vita altrui. Il vantaggio è che per avviare la domanda di ammonimento non serve assistenza legale e la polizia può agire più rapidamente

L'inquilino approfittatore ridà le chiavi grazie a Striscia

L'inquilino approfittatore ridà le chiavi grazie a Striscia

La famiglia che ha riposto in Striscia le sue speranze è stata ricompensata: dopo aver ricevuto solo due mesi di affitto, in otto anni, dall'affittuario di Montesano Scalo in provincia di Salerno, per Antonio e i suoi cari grazie alla caparbietà di Rajae Bezzaz è arrivato il parziale lieto fine. Appartamento libero, o meglio pieno di rifiuti. Ora si attende il versamento dei 12mila euro mai pagati: se non arriveranno, l'inviata ritornerà

La giornalista Fagnani fa pubblicità a sua insaputa?

La giornalista Fagnani fa pubblicità a sua insaputa?

Le domande di Rajae Bezzaz alla conduttrice di Belve, che sfoggia nel programma Rai vistosi e costosi gioielli di un noto brand, prestandosi a interviste di copertina su riviste che riportano il marchio. Marchio che sui social a sua volta posta le foto della giornalista, cui la Fagnani stessa mette like. «Non ho preso una lira» è l'autodifesa. Ma non cambia il fatto che i giornalisti non possono prestare nome, voce e immagine per iniziative pubblicitarie

Cinisello Balsamo.Perchè nessuno interviene per aiutare Carmen vittima di stalking?

Cinisello Balsamo.Perchè nessuno interviene per aiutare Carmen ...

Rajae Bezzaz torna a occuparsi di questa donna che, dopo svariati tentativi di denunce andate a vuoto, ha chiesto aiuto a Striscia la notizia per proteggere sé stessa e i figli da un persecutore (finora) impunito, che abita di fronte a lei. L'inviata incontra Ida, la sorella del molestatore, che esprime solidarietà per Carmen e che racconta che il fratello, a causa del suo comportamento, cinque anni fa è stato allontanato con codice rosso dalla moglie e dal figlio