News

Nove mesi per la truffa delle mascherine denunciata da Striscia

Nove mesi per la truffa delle mascherine denunciata da Striscia

Nove mesi per la truffa delle mascherine denunciata da Striscia

È arrivato a sentenza il processo per truffa per 300 mascherine vendute e mai consegnate a un’infermiera dell’ospedale di Pietra Ligure nel pieno dell’emergenza Covid, nel 2020. Il caso era stato portato alla ribalta nazionale da Moreno Morello e da Striscia la notizia. Nel marzo del 2020, un’infermiera dell’ospedale “Santa Corona” di Pietra Ligure, in provincia di Savona, aveva fatto un appello pubblico per acquistare con urgenza una partita di mascherine Ffp2. La risposta era arrivata dalla Ciociaria, precisamente da Ceccano: dopo un primo bonifico di 600 euro, che il presunto fornitore di mascherine aveva detto di non aver mai ricevuto, all’infermiera è stato richiesto un secondo bonifico di pari importo. Ma le mascherine naturalmente non sono mai arrivate.

Angelo Esposito, il Sandokan di Ceccano, condannato per la truffa delle Ffp2

Sul “furbetto” di Ceccano sono arrivate a Moreno Morello molte segnalazioni, non solo quella giunta da Pietra Ligure, e il 29 maggio 2020 è andato a casa sua per discuterne. Ma guardate come è stato accolto.

Il Tribunale di Frosinone ha condannato Angelo Esposito, 31 anni, il Sandokan di Ceccano, a nove mesi, oltre al pagamento di una provvisionale di 750 euro e di 3.420 euro per le spese legali. Assolti gli altri quattro imputati, anch’essi accusati di truffa (mentre a Esposito era contestata pure la sostituzione di persona). Esposito era accusato di aver inviato la carta d’identità di una persona estranea alla vicenda per ingannare l’infermiera, che dopo aver versato 1.200 euro senza ricevere nulla ha deciso di denunciare tutto ai carabinieri e di portare il caso all’attenzione di Striscia la notizia.

Le infermiere dell’ospedale “Santa Corona” di Pietra Ligure sono state rimborsate grazie a Striscia

La storia aveva avuto un parziale ma significativo lieto fine quando Striscia la notizia se ne era occupata, cioè il 16 aprile 2020. Le infermiere di Pietra Ligure raggirate sono state rimborsate da un benefattore che ha voluto retare anonimo. E Mina, la persona che aveva versato il denaro al truffatore, aveva inviato a Striscia un video di ringraziamento.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Morello, le criptovalute e le piantumazioni mai avvenute

Morello, le criptovalute e le piantumazioni mai avvenute

L'inviato torna a parlare dei soldi versati al Coemm di Maurizio Sarlo e del progetto naufragato basato sulle criptovalute, legato alla piantumazione di piantine Vetiver e pensato "per ossigenare il mondo"! Fabrizio Bassanesi ha abbandonato il Coemm, di cui era vicepresidente, perché venivano accettate donazioni per scopi non realizzati. Ma i 320mila euro versati dove sono finiti? Morello rinnova l'invito a Sarlo: se ha qualcosa da dire, noi siamo qui

Il mare dei contratti luce e gas è infestato dai pirati

Il mare dei contratti luce e gas è infestato dai pirati

Chi sono i pirati della Penisola del tesoro? Quelli che chiamano da un numero abusivo, quelli che sanno già tutto di noi prima che rispondiamo, che conoscono nome, codice fiscale e Iban e vogliono rifilarci un contratto luce e gas. E la beffa, ci spiega Moreno Morello, è che il fornitore ci avverte pure di difenderci dalle chiamate dei pirati. Ma sarebbe più facile se evitassero di assumerli! In rete, invece, c'è chi offre un intero database con 11 milioni di dati a soli 699 euro

Morello e le aziende che spremono i nostri dati

Morello e le aziende che spremono i nostri dati

Ignari cittadini come agrumi da spremere? Una lunga filiera di aziende arraffa informazioni utili da liste dettagliate dei nostri dati personali, a nostra insaputa, per venderci prodotti di ogni tipo. Moreno Morello ci mostra un esperimento fatto a Padova. La società di Frosinone di cui si parla nel servizio può contare su 21 milioni di dati anagrafici, praticamente mezza Italia, per procurare appuntamenti nel settore immobiliare e in altri ambiti

Ministero Salute, mancato indennizzo per sacche di sangue infetto

Ministero Salute, mancato indennizzo per sacche di sangue infetto

Moreno Morello ci racconta come il dicastero della Sanità possa sabotare la qualità della vita di un cittadino, che fu operato a soli 6 anni per una patologia cardiaca, subendo trasfusioni con sacche di sangue infetto. Nel 2011 l'uomo scoprì di essere affetto da epatite C ma la richiesta di indennizzo fu negata: per il Ministero era passato troppo tempo dal fatto. Arturo ha così avviato una lunga battaglia legale

Cantieri non finiti dopo i pagamenti anticipati

Cantieri non finiti dopo i pagamenti anticipati

Morello esamina tante infelici esperienze in ambito di ristrutturazioni edilizie. L'inviato raccoglie le testimonianze di alcuni clienti di imprese che hanno preteso versamenti in anticipo per lavori eseguiti solo parzialmente. Tra gli intervistati anche Rocco Casalino che, a fronte del pagamento di 42mila euro dei 45mila pattuti, si è trovato con il 60% delle opere non portate a termine. E gli impresari? Dicono di non avere avuto a che fare con lui e con gli altri committenti...

Gli squali dei contratti di luce e gas pt. 2. Bugie e insulti agli anziani

Gli squali dei contratti di luce e gas pt. 2. Bugie e insulti ...

Moreno Morello continua l'inchiesta sull'agenzia attiva tra Lazio e Piemonte che, presentandosi come partner di Acea Energia, avrebbe raggirato gli utenti che avevano appena cambiato fornitore, tentando di farli tornare sui proprio passi sostenendo che ci fossero (false) anomalie nelle bollette, risolvibili con un intervento tecnico. In realtà lo scopo era fargli firmare un nuovo contratto. L'inviato intervista Giuseppe Lauretti, l'avvocato dell'agenzia