News

Rajae e il campo profughi proibito: “Sembra un campo di prigionia”

Rajae e il campo profughi proibito: “Sembra un campo di prigionia”

Rajae e il campo profughi proibito: “Sembra un campo di prigionia”

Questa sera, mercoledì 25 settembre, a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35), Rajae si occupa del campo profughi di Moria, situato sull’isola di Lesbo, in Grecia.

«Attualmente è il più grande d’Europa, ospita 12mila migranti, 4 volte tanto le persone per cui era stato allestito», precisa linviata.

E infatti la situazione all’interno «è ormai al collasso»: per ricevere i pasti i profughi sono costretti a ore e ore di coda e molto spesso il cibo scarseggia. Rajae inoltre ricorda: «A nessuna troupe televisiva è consentito entrare in quello che sembra un campo di prigionia con tanto di filo spinato, telecamere di sorveglianza e torrette di guardia».

Il sovraffollamento del campo di Moria ha fatto sì che adiacente sorgesse un insediamento non ufficiale, conosciuto tra i profughi come “la giungla” (Olive grove).

L’inviata di Striscia spiega: «Di questi 12mila disperati, quasi la metà sono minori. E 800 di loro non sono nemmeno accompagnati». A confermare la situazione è Marco Sandrone, capoprogetto di Medici Senza Frontiere: «All’interno del campo, più del 40% sono bambini e sono costretti a vivere in condizioni orribili».

E poi: «Chiediamo che tutte le persone vulnerabili siano trasferite da Lesbo in strutture adeguate, in Grecia continentale o in altri Paesi dell’Unione Europea».

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per la questura

Milano, gli abusivi che gestiscono la lista di appuntamenti per ...

Rajae è di nuovo fuori dagli uffici della questura di via Cagni, dove ogni giorno (e ogni notte) centinaia di persone si accampano in attesa di un appuntamento. La nostra inviata ha scoperto che i tempi di attesa sono così lunghi perché non ci sarebbero abbastanza interpreti e non c'è un efficiente sistema di prenotazione. Peccato che poi, fuori dal sistema ufficiale, ne esiste uno parallelo e abusivo che garantisce posti in lista dietro un cospicuo pagamento

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

Diamoci un taglio, una ciocca di capelli che fa la differenza

L'assurda morte di Mahsa Amini, uccisa a Teheran perché non indossava correttamente il velo, ha scatenato diverse proteste contro la polizia in Iran e nel resto del mondo. Rajae ha partecipato alla manifestazione organizzata di fronte all'ambasciata iraniana di Roma e ha aderito al gesto simbolico di tagliarsi una ciocca di capelli per sensibilizzare sulla libertà di scelta delle donne. Ma cosa ne penseranno gli islamici della capitale?