News

Sanremo, Ciannamea (Rai) non rivela il rimborso spese di Travolta. Amadeus: “Avevo detto no”

Sanremo, Ciannamea (Rai) non rivela il rimborso spese di Travolta. Amadeus: “Avevo detto no”

Sanremo, Ciannamea (Rai) non rivela il rimborso spese di Travolta. Amadeus: “Avevo detto no”

 

«I contatti con John Travolta come e quando sono stati presi? Possibile che nessuno sapesse delle scarpe?». Così Pinuccio ad Amadeus nella conferenza stampa odierna del Festival di Sanremo, con riferimento al caos che si è scatenato per l’ospitata dell’attore americano sul palco dell’Ariston con annessa pubblicità occulta.

«Con John Travolta non mi sono mai sentito direttamente. E vi svelo un retroscena: quando all’inizio mi è stato proposto come ospite ho risposto di no, perché era già venuto e perché avevo le serate piene», risponde il direttore artistico. Mentre sulle questioni contrattuali dice di non sapere niente dell’accordo e gira il microfono al direttore intrattenimento prime-time Rai Marcello Ciannamea. «Contrattualmente si è verificato tutto in maniera limpida – specifica Ciannamea -. Rai ha chiuso il contratto senza riferimenti allo sponsor e pattuendo con Travolta solo un rimborso spese molto basso, ma che non riveleremo». Quando Pinuccio gli fa notare che, essendo soldi pubblici, dovrebbero dire l’entità del rimborso, Ciannamea chiude: «Non riveliamo i compensi di nessuno per questioni di riservatezza, è una giustificazione valida? Per noi sì». E Pinuccio “No”.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Sanremo, per le scarpe di Travolta gli esposti all'AgCom sono due

Sanremo, per le scarpe di Travolta gli esposti all'AgCom sono ...

Pinuccio di Rai Scoglio 24 ci aggiorna sul caso di possibile pubblicità occulta durante il Festival, con l'attore americano che ha ballato sul palco dell'Ariston con Amadeus mostrando le sneakers di U-Power. Domenico Romito dell'associazione Avvocati dei consumatori spiega che ha integrato l'esposto presentato con il materiale dei servizi di Striscia, e chiede una sanzione esemplare, superiore a quella dello scorso anno di 175 mila euro