News

Allarme onde elettromagnetiche a Milano, Striscia indaga

Allarme onde elettromagnetiche a Milano, Striscia indaga

Allarme onde elettromagnetiche a Milano, Striscia indaga

In questi giorni in Rete e sui social network circola un video allarmistico in cui un videomaker, armato di un misuratore di onde elettromagnetiche, muovendosi in alcune strade milanesi sostiene che nel capoluogo lombardo ci sarebbero livelli anomali di radiazioni, che secondo alcuni potrebbero essere collegati alla nuova rete 5G.

Per fare chiarezza, Striscia la notizia ha inviato Capitan Ventosa e il Ventosa Radio Team negli stessi luoghi in cui è stato girato il video virale. Dopo aver eseguito le rilevazioni con uno strumento professionale e certificato, è emerso che i valori di radiazioni registrati sono assolutamente sotto la soglia di legge (20 Volt/metro all’aria aperta e 6 V/m per i luoghi dove si sosta).

L’inviato del Tg satirico di Antonio Ricci ha anche dimostrato che basta azionare un walkie talkie per falsare le misurazioni e rilevare un immediato incremento del valore da 1,3 V/m a 8 V/m. Il servizio andrà in onda stasera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35).

Del 5G Striscia si era già occupata con un servizio di Marco Camisani Calzolari, che spiegava di cosa si tratta.

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
Lo strano caso del ponte progettato a metà

Lo strano caso del ponte progettato a metà

Capitan Ventosa si trova a San Benedetto Po (provincia di Mantova) per parlarci della curiosa situazione che riguarda due ponti limitrofi. Il primo, quello vecchio, è stato costruito negli anni Sessanta, ma chiuso ai mezzi pesanti perché giudicato poco sicuro; il secondo, quello nuovo, si ferma a metà strada, perché i 30 milioni stanziati dalla Regione coprivano la costruzione di metà struttura. Un problema che provoca non pochi disagi

Isernia e la burocrazia italiana: oltre sei mesi per cambiare nome

Isernia e la burocrazia italiana: oltre sei mesi per cambiare ...

Capitan Ventosa si trova a Isernia perché una madre esasperata dalle lungaggini burocratiche italiane ha chiesto il suo aiuto. Il figlio, infatti, nato in Polonia e ormai residente in Italia, ha voluto cambiare nome adattandolo all'italiano, ma mentre in Polonia la pratica è già stata evasa, lo stesso non è avvenuto in Italia. Dopo sei mesi di raccomandate e richieste, l'intervento di Striscia risolve il problema