News

Giornata Mondiale della Pizza: numeri, curiosità e perché fa bene

Giornata Mondiale della Pizza: numeri, curiosità e perché fa bene

Giornata Mondiale della Pizza: numeri, curiosità e perché fa bene

Il 17 gennaio si celebra la Giornata mondiale della pizza, uno dei piatti più rappresentativi del made in Italy e celebrato in tutto il mondo.

Un settore che comprende circa 130mila imprese e che ha raggiunto i 15 miliardi di fatturato annuale, generando un movimento economico superiore ai 30 miliardi, almeno secondo i dati del Centro studi Cna elaborati in collaborazione con Cna Agroalimentare (Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa).

Dal report emerge che sono ben otto milioni le pizze sfornate ogni giorno, per un totale di quasi tre miliardi l’anno. Amata perlopiù nella sua versione più classica – margherita o marinara – è sempre più apprezzata anche nelle varianti gourmet.

E che la pietanza simbolo del made in Italy per molti rappresenti un buon investimento lo dimostrano anche i numeri relativi alle attività di questo genere, che dal 2015 al 2019 sono passate da 125.300 a 127mila (dati aggiornati al 31 marzo scorso), con la Campania comprensibilmente in testa a livello regionale con il 16% delle attività.

Sarà anche grazie a questi dati che recentemente è stato dato vita al primo corso universitario a tema, dal titolo Pizza Revolution, organizzato dal Centro Federica Weblearning dell’Università di Napoli Federico II, che attraverso una serie di lezioni online e gratuite permette di approfondire storia, curiosità e dettagli relativi alla preparazione. 

E se mai vi servisse una scusa per mangiarla questa sera senza il minimo senso di colpa, sappiate che secondo alcuni studi la pizza renderebbe addirittura più felici per via del senso di appagamento che dà e del suo naturale legame con l’idea di convivialità e svago, ma non solo. 
Da un punto di vista nutrizionale, il suo mix di sostanze nutritive comporterebbe l’attivazione di molecole che avrebbero un ruolo chiave nella regolazione dell’umore.

Se la pizza oggi gode di tanto successo nel mondo, un po’ è anche merito di Striscia. Sapevate, per esempio, che proprio il tg satirico ha ricevuto una targa per aver sostenuto la campagna che nel 2017 ha portato al riconoscimento dell’Arte tradizionale del pizzaiolo napoletano come patrimonio culturale immateriale dell’Umanità da parte dell’Unesco?

Ecco il video della premiazione.

Redazione web Striscia la notizia

Ultime News

tutte le news

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
La

La "Rana pescatrice alla puttanesca" di Denny Lodi Rizzini e ...

Nella rubrica enogastronomica "Capolavori italiani in cucina" Paolo Marchi incontra Denny Lodi Rizzini e Gianluca Grego del ristorante Makorè a Ferrara. Gli chef propongono la ricetta della "Rana pescatrice alla puttanesca", reinterpretazione di un piatto tradizionale italiano: i filetti di pesce sono glassati con salsa ai datterini e accompagnati da una crema di olive nere, con l'aggiunta di olive taggiasche, capperi ed erbe aromatiche.

Le

Le "Linguine al burro, garum di agone e amchoor" di Caranchini

Nella rubrica enogastronomica "Capolavori italiani in cucina" Paolo Marchi incontra Davide Caranchini del ristorante Materia, aperto insieme alla compagna Ambra Sberna a Cernobbio, sul lago di Como, premiato dalla Stella Michelin. Lo chef propone la ricetta del piatto in cui interpreta in versione nordica gli spaghetti con colatura di alici, sostituendole con l'agone, un pesce di lago, e arricchendo il tutto con una spolverata di amchoor, una spezia ottenuta dal mango.

Il

Il "Risotto con lattuga di mare" di Valerio Serino e Lucia De ...

Nella rubrica enogastronomica "Capolavori italiani in cucina" Paolo Marchi incontra Valerio Serino e Lucia De Luca del ristorante Tèrra e del pastificio artigianale e biologico Il Mattarello a Copenaghen, che propongono la ricetta del "Risotto con lattuga di mare, corallo di capasanta, olio di limone e origano", piatto fresco che sfrutta una parte solitamente scartata della capasanta, il corallo, tutto esaltato dal sapore leggermente piccante della lattuga di mare.

Lo

Lo "Spaghetto di mais torbato, ricci di mare e porro bruciato" ...

Nella rubrica enogastronomica "Capolavori italiani in cucina" Paolo Marchi incontra Daniele Lippi del ristorante Acquolina, insegna gourmet all'interno dell'hotel The First Roma Arte. Lo chef propone la ricetta dello "Spaghetto di mais torbato, ricci di mare e polvere di porro bruciato", un piatto che unisce sapori delicati e sapori intensi, esaltati dal burro di malga e dal whisky, un esempio della sua cucina che mette al centro la curiosità e che sorprende con piatti ...

"L'agnello e carciofi" di Jacopo Malpeli, un classico di Pasqua

Torna "Capolavori italiani in cucina": Paolo Marchi incontra Jacopo Malpeli dell'Osteria del Viandante a Rubiera (Reggio Emilia), che propone un classico piatto delle tavole pasquali. Parmense, classe 1982, Malpeli dal 2021 abbraccia il progetto dell'Osteria del Viandante, un'opera di recupero e restauro dello storico Forte di Rubiera. Qui propone una cucina della tradizione, interpretata in maniera contemporanea ed elegante.

La

La "Panzanella mediorientale" del campione di cous cous Pierpaolo ...

Torna la rubrica enogastronomica "Capolavori italiani in cucina" con Paolo Marchi, che incontra Pierpaolo Ferracuti del ristorante Retroscena a Porto San Giorgio (Fermo). Lo chef propone la ricetta della "Panzanella Mediorientale", piatto con cui ha vinto il Campionato mondiale di cous cous di San Vito Lo Capo (Trapani) a settembre 2022. Un cous cous di gambero e gazpacho dove acidità e piccantezza sono ben bilanciate, esaltato dalla croccantezza del pane tostato.