Rassegna Stampa

Antonio Ricci sul Ponte Morandi: «L’unica maniera per onorare le vittime è riqualificare il quartiere»
Secolo XIX

Antonio Ricci sul Ponte Morandi: «L’unica maniera per onorare le vittime è riqualificare il quartiere»

Antonio Ricci sul Ponte Morandi: «L’unica maniera per onorare le vittime è riqualificare il quartiere»

Dal piazzale del Santuario di Coronata, appena sveglio, guardavo giù il ponte. Non abitavo là, anche se all’epoca avevo un’imbarazzante somiglianza con la statua del Paciugo, alloggiata in chiesa. Ero il giovanissimo preside dell’Istituto per Periti Agrari e Industriali, insediato nell’edificio che aveva ospitato il Seminario dei Canonici Regolari, e dormivo in macchina.

Di giorno ero preside a Genova, la notte facevo il cabarettista al Derby di Milano con Funari, Andreasi, Cochi e Renato e Faletti. Non avevo materialmente il tempo per tornare a casa ad Albenga e così dormivo tre, quattro ore in macchina alla Coronata. Se trovavo nebbia mi facevo un pisolino in un autogrill, sempre pronto ad arrivare puntuale all’apertura della scuola per nulla stropicciato perché, fin da bambino, ho sempre goduto di insonnia.

Il complesso era stato riaperto da pochi anni. Era stato chiuso per dieci a causa di un “paciugo” gigante e presto dimenticato: i lavori di scavo per la galleria del ponte ne avevano compromesso gravemente la stabilità. Tutto era restaurato di fresco e l’Istituto privato, appena aperto, era oggetto di un’ispezione ministeriale per ottenere la parifica. L’ispettore mal sopportava un preside ventisettenne. «Mia figlia, per due mesi, non è riuscita a fare i corsi abilitanti e adesso chissà quando li rifaranno. Lei è una precaria e lei è già preside. Complimenti signor Preside!».

 Non gli importava che la scuola fosse attrezzatissima e modernissima, era insensibile alle mie dotte citazioni in greco e latino, si preoccupava solo di stalkerizzarmi con pretestuosi formalismi: «Signor Preside, prima si mette la firma e poi il timbro e non viceversa. Può portare all’annullamento dei registri». A pelle sentiva che in me c’era qualcosa che non lo convinceva, arrivò a dirmi: «Signor Preside, ho visto la sua auto parcheggiata sul piazzale: è targata Savona. Non mi dirà che tutte le mattine viene da Savona…».

Non glielo dissi, come non gli dissi che nel bagagliaio avevo la chitarra e che quella notte li non avevo neppure dormito perché, dopo lo spettacolo di mezzanotte al Derby, ne avevo fatto un altro alle due al Settepiù diAffori e poi ero stato a mangiare gli spaghetti al Cuccagna che apriva alle tre e dove spesso c’era Vallanzasca, in più avevo anche accompagnato Faletti nella sua casa di Asti. Alla fine, non essendo per fortuna emerse evidenze sulla bipolarità del preside, la parifica arrivò. Missione compiuta. Ero felice che i ragazzi della Val Polcevera potessero avere l’opportunità di frequentare una scuola di agraria. Noi di Albenga abbiamo un affetto particolare peri polceveraschi.

Negli ultimi venti anni dell’Ottocento la piana di Albenga ospitò l’immigrazione di famiglie contadine provenienti per lo più dalla Val Polcevera. Erano i fittavoli scacciati dalle campagne dall’espansione di Genova e dall’edificazione delle fabbriche. Le zone acquitrinose diAlbenga, dove veniva coltivata la canapa, vennero bonificate, tanto vele e corde servivano meno. La piana fu convertita alla più redditizia coltivazione degli ortaggi e i polceveraschi portarono una mentalità imprenditoriale vincente puntando tutto sull’esportazione nelle grandi città. Per ottenere le preziose primizie (primaticci) utilizzarono cascame di cotone per riscaldare il terreno e poi le serre. Oltre all’introduzione di nuove tecniche agronomiche, i polceveraschi portarono anche le loro esperienze solidaristiche che originarono la fondazione della Croce Bianca, non a caso poi gemellata con la Croce Verde di Pontedecimo.

L’immensa tragedia dell’anno scorso ha lasciato annichiliti perché ha colpito un territorio già storicamente tribolato. Non consola la certezza che, se fosse capitato in un altro momento, il disastro sarebbe stato ancora più grande. Eppure non si poteva non sapere. Ogni volta che passavi su quel ponte avevi la sensazione che tremasse, ma ci spiegavano che era garanzia dell’elasticità dell’opera. Che ne sapevamo noi di stralli e pile? Ci sembrava impossibile che qualcuno potesse dar retta a Vanna Marchi, però abbiamo creduto ai rassicuratori di professione e convenienza.

Renzo Piano ha compiuto un atto di enorme coraggio e generosità donando il suo progetto, per di più con la consapevolezza che si sarebbe esposto a critiche insulse, accoltellato come una Paciuga per il suo gesto d’amore.

C’è stato chi preferiva il progetto del ponte multistrato: un impattante Biscione — bis lungo un chilometro e duecento metri. «Mentre mio figlio è all’asilo al primo livello, mia moglie si depila al beauty centre posto al secondo livello, al terzo passano i tir e io faccio jogging al quarto con due salmoni sotto le ascelle, così nel frattempo li affumico». Stranamente nessuno ha proposto di costruirlo in marzapane.

La sfida vera non è tanto il ponte, quanto quello che ci sarà sotto il ponte. L’unica maniera per onorare le vittime è ripensare e qualificare quella zona. Così come si è fatto il miracolo di trasformare una palude in campi fertilissimi, bisogna riuscire a convertire da negativa a positiva l’accezione dell’espressione “Vivere sotto un ponte”. E go ditu ninte.

Ultime dalla Rassegna

vedi tutte

Potrebbero interessarti anche...

vedi tutti
19 febbraio 2024

19 febbraio 2024

Sotto sequestro il Castello delle Cerimonie - Lollobrigida rivela: sono molto vicino al mondo della pesca - Giornalisti Rai, c'è chi fa le interviste per interposta persona - Sinceramente furioso, la canzone di De Luca contro l'autonomia - Cartelli stradali, il 40% sbagliato, ridondante o inutile secondo l'esperto - Vittorio Feltri come Geolier, anche lui rappa in dialetto - "Vi ammazzo!": per Trombetta minacce dal venditore di tarantole - Ottaviano, il sindaco incontra i nostalgic

17 febbraio 2024

17 febbraio 2024

Mantova, opera d'arte usata come barbecue - A Pescara demolito il Ferro di cavallo, fortino dell'illegalità - Come si ferma il contrabbando di GPL? - Telecomandi bloccati, interviene Capitan Ventosa - La guida per difendersi dagli stalker, anche digitali - A Neive il piatto è la cheesecake antispreco - Coppa degli Assi, il torneo è tornato a Palermo - Cycas, la pianta preistorica ricomparsa sull'Isola di Wight - "Striscia la magia", il forzuto Khan Baba non è poi così forte - Ch...

15 febbraio 2024

15 febbraio 2024

L'"angelo custodia" dei Ricchi e Poveri - Fermata vietata al Commissariato di Polizia. Ma non per tutti - Napoli, i custodi del nulla, scuole e piscine chiuse al pubblico - Cristiano Militello e lo stadio in cui è vietato giocare col pallone - Torino, un altro caso di acquisto in contanti con lo "strappo" - Totti e la passione per il gioco: Ilary a Striscia l'aveva già detto - Baby gang violenta, naso rotto e sigaretta spenta in faccia - Sanremo: scarpe di Travol

7 febbraio 2024

7 febbraio 2024

New York, all'asta le scarpe di Michael Jordan - Sanremo, Mara nel backstage: "Svegliaci tu Fiore, ti scongiuro!" - Lucci a Sanremo: chi canta "Bella ciao" per i Fratelli d'Italia? - Amadeus si siede sul presidente di Rai Cinema. Che figura… - Il treno Roma-Sanremo potrebbe deragliare in Parlamento - Assegno di inclusione, c'è chi fa pagare la pratica gratuita - Casellati chiama Mattarella: quali superpoteri diamo alla Premier? - Anche al Tribunale di Foggia i furbetti

6 febbraio 2024

6 febbraio 2024

Iran, scoperto il primo rossetto della storia - Sanremo: Fiorello sul Palermo-Catania e Amadeus canta con Mengoni "Bella ciao" - Pubblicità occulta a Sanremo 2023, la Rai pagherà 175 mila euro - Il Tapiro ad Amadeus per la pubblicità occulta di Sanremo - Capitan Ventosa a Bologna alla prova dei 30 all'ora - Vespone e una museruola per Matteo Salvini - Spaccio di farmaci per sballare: chi fermerà la nuova dipendenza - Cinque semplici regole per salvarsi la vita digitale - Il "Risotto, latt...

5 febbraio 2024

5 febbraio 2024

Big escluso da Sanremo - Giuseppe Conte: "Toglietemi tutto, ma non il mio bel musetto" - Sanremo caos biglietti, in vendita sui social a 700 euro - Il grande rap dei politici che vogliono vincere Sanremo - Sinnai, sulle tracce del ragazzo che compra online senza pagare - Segnalati da voi: Giorgia Meloni sulla Via della sete - Roma, borseggi nella metropolitana: "E nessuno fa niente" - Cpr, psicofarmaci e maltrattamenti ai migranti: le immagini integrali - Dal "Drive In" a Striscia, il Gra...

2 febbraio 2024

2 febbraio 2024

Parigi, Enzino indaga sul furto di alcune bottiglie di vino - La Russa e i registratori di cassa: a lui nessuno deve insegnare il "nero" - Dopo l'alluvione, c'è da risolvere l'enigma della Sfinge - Bastano 60 euro per bloccare un account Instagram - Politica, Bonetti e Rosati entrano in Azione: il burraco è salvo! - Costumi di Carnevale: attenti al marchio di sicurezza e all'etichetta - "Paesi, paesaggi..." a Colle di Val d'Elsa, la città del cristallo - "Me gusta la poltrona, me devo can

30 gennaio 2024

30 gennaio 2024

Svezia, Enzino alla ricerca di una speciale gomma da masticare - Vespone punge Antonio Tajani sui trent'anni di Forza Italia - MCC e i suoi avatar alle prese con le "Stranezze digitali" - Capolavori del mondo in cucina: la "Peking Duck" di Giulia Liu - Studenti fuorisede: 800 mila italiani senza diritto di voto - Il "guaritore" che cura le malattie (anche gravi) con le diapositive - Tutti parlano del transgender incinto: ma qualcuno ha parlato con lui? - A lezione